Venerdì 6 Ottobre 2017, 13:01

Veneto Banca, nuove accuse: «Ai clienti mostrate solo carte false»

Veneto Banca, nuove accuse: «Ai clienti mostrate solo carte false»

di Denis Barea

TREVISO - Falsi i bilanci, falsa la documentazione relativa alle certificazioni dei revisori dei conti. Tutte false insomma le carte mostrate ai clienti per dimostrare la solidità della banca e quindi la bontà dell'affare quando si trattò di vendere e far acquistare le azioni, come falsa era la prospettazione utilizzata per convincere i dubbiosi. Numeri e dati utili a confezionare invece una delle più colossali truffe bancarie perpetrate in Italia. Sono queste le ipotesi di reato contenute nel fascicolo, per ora a carico di ignoti, che nei prossimi giorni sul caso Veneto Banca sarà aperto dal sostituto procuratore Massimo De Bortoli, titolare dell'inchiesta della Procura di Treviso su cui incombe il rischio della prescrizione, motivo per cui è stata accolta con soddisfazione la notizia dell'arrivo di quattro nuovi magistrati. 

LE CARTE
Il faldone contiene le oltre 3mila denunce presentate da ex azionisti e rimpallate dal 2015 alla scorsa primavera tra Treviso e Roma, a cui si aggiungono decine di nuovi esposti arrivati sul tavolo del magistrato dall'inizio dell'estate scorsa. Pagine e pagine in cui si chiede di conoscere la verità sul disastro patito da chi ha visto il valore del proprio portafoglio precipitare in meno di due anni da 46 euro per azione a zero, miliardi di ricchezza di famiglie e imprese spazzati via dal collasso di una banca che è stata per decenni la cassaforte di un intero territorio. Per gli ex azionisti che hanno deciso di ingaggiare la guerra contro l'ex Popolare anche in sede penale, la notizia suona già come una prima parziale vittoria. Le denunce infatti raccontano di come centinaia di direttori di filiale, funzionari addetti al credito, responsabili del private banking e persino sportellisti utilizzassero i bilanci e i documenti dei revisori dei conti come strumento di vendita. Le azioni di Veneto Banca venivano proposte come un investimento eccellente, sicuro, con alti rendimenti, una vera occasione offerta da quello che veniva fatto passare per uno dei più solidi istituti di credito italiani. 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Veneto Banca, nuove accuse: «Ai clienti mostrate solo carte false»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-10-07 10:39:51
Implosione del sistema basato sulla serietà e fiducia di un tempo, servito anche dagli stessi dipendenti veneti... ah caro Veneto come mi manchi. C'è bisogno di un serio esame di coscienza per tutti!
2017-10-06 14:38:56
Se fosse così, Banca Intesa dovrebbe sospendere immediatamente gli indagati.
2017-10-06 14:15:40
"Veneto", un nomignolo, un destino… (sarà per questo che cresce il movimento no.veneto, in tutto il bellunese, in Euganea, in Polesine, tra i reto-veronesi, i i cimbri, i ladini…)
2017-10-06 13:58:21
E' normale ragazzi, quando parliamo di banche e assicurazioni... alzare le antenne perche' quasi sempre c'e' il trucco. Per niente si dice: " banche e assicurazioni, tutti l..dri".
2017-10-06 13:27:05
a carico di ignoti? ma se si chiamano veneto banca, nei nomi dei suoi dipensenti! Maddai!