Travolti sulle strisce: mamma fa scudo ai figli col proprio corpo. È in coma

Travolti su strisce: mamma fa scudo  ai figli col proprio corpo. È in coma
PIEVE DI SOLIGO - Lotta tra la vita e le morte, in ospedale, una donna di 46 anni investita da un'autovettura insieme ai figli, di 5 e 11 anni, che ha cercato di salvare con il proprio corpo. La famiglia stava attraversando la strada sulle strisce pedonali, in via Vaccari, tra l'ex municipio e la gelateria Al Ponte, a Pieve di Soligo (Treviso), martedì pomeriggio, quando è sopraggiunta un'utilitaria, guidata da un'anziana di 87 anni, che non non è riuscita a frenare ed ha travolto madre e figli.

La mamma ha cercato di proteggere con il proprio corpo i due ragazzi, ed è finita in pieno contro la vettura, riportando gravi lesioni. È stata portata in elicottero all'ospedale di Treviso, dove si trova tuttora in stato di coma, ed è stata sottoposta ad un intervento chirurgico, ma le sue condizioni restano disperate. I due ragazzini hanno riportato alcune fratture, ma non sono gravi. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 1 Ottobre 2017, 10:15






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Travolti sulle strisce: mamma fa scudo ai figli col proprio corpo. È in coma
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 30 commenti presenti
2017-10-09 08:37:57
Quelli che difendono gli anziani alla guida quando gli si dice che ci vorrebbe un'esamino alla vista, riflessi e quant'altro sono ancora di quell'idea??
2017-10-03 07:44:02
A Gnampolo2017-10-01 11:26:58 - Che mi dice delle persone che sono comprese nella fascia d'età che va dai 18 ai 100 anni che hanno causato incidenti, anche gravi? Secondo te quali da salvare e quali da appiedare? Poi ci sino le persone che non causano incidenti e che rientrano nel tuo metro di misura, quali da buttare e quali da tenere? A mio modesto parere una persona da appiedare sei tu, data la tua arroganza di dettare legge, considerando che la parola da te usata ti si addice pienamente.
2017-10-02 08:24:10
Purtroppo non c'è un antidoto alla vecchiaia. Ma non è possibile nemmeno, con un criterio generale, ridurre la mobilità agli anziani. Specialmente nei paesini, chi li porta dal medico, all'ospedale, a fare la spesa.. Per fortuna tra 5-10 anni tutte le macchine avranno il sensore di ostacolo e si fermeranno da sole in emergenza. Nel frattempo: buona fortuna.
2017-10-02 07:09:41
Per quanto riguarda la visita per il rinnovo del permesso di guida, ma non solo, anche per chi la deve conseguire la prima volta, è lacunosa da far paura. Il problema sostanziale è che chi compie 19 anni ha tutto il diritto di poter avere quel pezzo di plastica, e chi ne ha 100 ha lo stesso diritto e naturalmente tutti quelli che si trovano fra quei due numeri; la questione è, quante di queste persone hanno i requisiti psicofisici e psicologici per poter guidare? Da quello che vedo nell'arco della giornata, considerando che spesso e volentieri mi muovo a piedi (panificio a 5 minuti da casa, il supermercato a 10 minuti, la banca a 5 minuti da casa, il barbiere sotto casa) autisti/e di tutte l'età che non si fermano ai passaggi pedonali, che sorpassano in centro abitato con linea continua, colmo dei colmi un passaggio pedonale è con semaforo, diventa giallo e c'è chi accelera per non fermarsi; ripeto persone di ogni età, or bene se a tutte queste fosse revocato il permesso di guida chi vive la giornata con la testa sulle spalle e il cervello collegato starebbe meglio. Poi il problema è che ci vorrebbero più tutori dell'ordine a piedi sulle strade dei centri abitati e non negli uffici, purtroppo la divisa è simbolo di potere e prepotenza e non viene spesso messa al servizio del cittadino, negli uffici mattiamoci dei civili; così tutti ne avremo dei benefici.
2017-10-02 15:00:06
anche l'uso dei passaggi pedonali necessiterebbe di patente, perchè vedo costantemente persone sostare nei pressi (e non sai se attraversano o no), biciclette attraversare ( è pedonale, non ciclabile), pensionati che premono il tasto dell'attraversamento dopo che centinaia di lavoratori sono in coda da 1 ora, in preda alla fretta pur di non aspettare 30 secondi il rosso per i mezzi nello stesso senso di marcia. Tralasciamo quelli che attraversano chattando, quelli in diagonale, quelli con cuffiette che non guardano e sentono nessuno... EDUCAZIONE STRADALE fino dalle elementari, niente altro. Io in molti paesi per noi considerati da "terzo mondo" ho visto una educazione stradale eccelsa, tutti si fermano 20 metri prima del passaggio pedonale, nello stesso tempo i pedoni si sbrigano ad attraversare e non sostano a fianco.