Ex sindaco no vax: «La mia bimba ha 5 mesi e non le farò mai i vaccini»

Loris Mazzorato

di Maria Chiara Pellizzari

RESANA - «Ci invitano a vaccinare nostra figlia di 5 mesi senza informarci» sbotta Loris Mazzorato, già due volte sindaco di Resana e oggi capogruppo d'opposizione in consiglio comunale. «Scommetto che è già pronto il consenso informato che dobbiamo firmare senza avere la possibilità di un vero e reale confronto. Proprio nello stesso stile delle banche che poi rapinano i risparmi ai loro clienti».

Mazzorato non ha intenzione di vaccinare sua figlia: «Come altri genitori, voglio essere prima informato su cosa somministrano a mia figlia e quali sono i rischi, viste le pubblicazioni Aifa, Agenzia italiana del farmaco. L'invito che è arrivato con raccomandata non è informazione, è un abuso e una violenza psicologica». La figlia di Mazzorato non va all'asilo nido, quindi non corre il rischio di essere espulsa. Quando andrà alle elementari?

«Vedremo, pagheremo le sanzioni, o sceglieremo una scuola privata, dove non ci siano imposizioni calate dall'alto» spiega Mazzorato.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 7 Novembre 2017, 05:01






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ex sindaco no vax: «La mia bimba ha 5 mesi e non le farò mai i vaccini»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 162 commenti presenti
2017-11-16 08:18:14
Gentile me-Stesso lei ha scritto su questo argomento, che a mio avviso non merita piu' di una nota (vale a dire:ognuno faccia come crede, salvo assumersene le spese di eventuali danni che ne deriveranno) la bellezza di 53 commenti per un totale di 800 righe di media con 56000 caratteri! Caspita neanche Umberto eco si era spinto tanto in la'
2017-11-11 14:07:07
RIDICOLO!! Un nuovo articolo pubblicato il 13/10 (vedete sul sito di ADNKRONOS, non so se si puo mettere il link) , diverso dal caso dell'ospedale che vi avevo segnalato, spiega che solo il 13% dei medici (compresi medici di Famiglia) si sottopone alla vaccinazione vs l'influenza. Un gap cosi alto (quasi il 90% di medici che non aderisce) non puo' essere spiegato solamente come generico "malcostume" o "pigrizia", a mio avviso. Proprio in un momento cosi delicato di inizio inverno nel quale il rischio e' piu altro e proprio in un momento in cui l'attenzione e' alta sull'argomento vaccini, mi risulta assurda questa mancanza di coerenza e di "esempio". Si rifiutano di fare 1 vaccino una tantum da adulti, quando un bambino che a marzo deve poter proseguire all'asilo la frequenza ne deve fare 10. Una coppia di genitori che conosco entro marzo devono sottoporre il loro figlioletto a 3 dosi di DTP, 3 di Polio, 3 di Epatite B + 1 emofilo + 1 MPR. In 5 mesi devono fare tutto questo, mentre i medici per una sola vaccinazione si rifiutano. Io non penso che il medico reticente creda di andare in una sedia a rotelle o di morire per aver fatto il vaccino, ma immagino che un medico pensi di starsi iniettando una porcheria che il suo corpo dovra' smaltire (non si tratta mica di vitamine...) a fronte di una utilita' scarsa o nulla, a cui nemmeno loro credono. Ecco cosa ci mostra il mondo dei medici che poi ti fanno la paternale ed appoggiano la legge dell'obbligo e delle sanzioni.
2017-11-10 12:52:14
Sig. me-stesso, continui tranquillamente a vivere nel suo mondo.
2017-11-10 13:59:55
E voi nel vostro, fatto di finte e presunte epidemie scampate. Anche una varicella vi terrorizza ormai. Intanto i batteri, quelli si che se la ridono degli antibiotici (da un po di tempo a questa parte) e tra un po probabilmente anche dei vaccini che ci dovrebbero proteggere
2017-11-10 18:13:32
Lei dimostra di avere poca confidenza con le sofferenza da herpes-zoster, per stare al suo esempio.