«Lei è in politica». Gli bloccano il conto in banca per un'omonimia

PER APPROFONDIRE: banca, conto corrente, omonimia, politico
«Lei è in politica». Gli bloccano  il conto in banca per un'omonimia
TREVISO - È uno stimato musicista, correntista da quasi trent’anni. Ma un giorno il suo conto viene bloccato.
«Sei un persona politicamente esposta» gli risponde la banca che, nel frattempo, ha cambiato insegna.
«Finchè non dimostri di essere te stesso non puoi prelevare». Non importa se l’uomo non abbia mai neppure partecipato a un comizio elettorale. Per l’istituto di credito il suo conto “scotta”. 
La bizzarra vicenda è accaduta a S.M., un pianista e docente di scuola media cinquantenne.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 22 Settembre 2017, 07:25






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Lei è in politica». Gli bloccano il conto in banca per un'omonimia
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2017-09-23 10:15:12
Ma prima di bloccare un conto si dovrebbe fare una verifica, Io cambierei banca e chiederei risarcimento per danno psicologico.
2017-09-23 09:02:20
Quel " bancario" deve aspirare ad un posto in magistratura!
2017-09-22 16:14:40
cambi immediatamente banca...in ogni caso se uno è un uomo politico non può avere il conto? Mi sta sfuggendo il senso della comunicazione
2017-09-22 14:13:01
Se fosse stato un vero politico,lo avrebbero accolto in filiale col tappeto rosso.Ma mi facciano il piacere.
2017-09-22 13:27:54
Cosa e' successo ? Questo cambiamento d' approccio verso i politici e' generalizzato o riguarda solo il comprensorio trevigiano ? Normalmente i conti dei politici venivano rimpinguati automaticamente e all'insaputa del diretto interessato ! Per favore ripristinate il precedente andazzo o vedremo aumentare il numero di barboni senzatetto !