L'azienda trevigiana che vuole salvare l'antichissimo impasto della Melegatti

PER APPROFONDIRE: lievito madre, melegatti, salvataggio
​La ditta trevigiana che vuole salvare  l'antichissimo impasto Melegatti

di Elena Filini

ODERZO - Il lievito madre è il cuore di una tradizione. È il dna di un alimento. Per questo perdere il cuore del pandoro Melegatti sarebbe un danno irrimediabile. Insieme alle vertenze sindacali e al fosco futuro aziendale, resta centrale nella vicenda legata all'azienda leader nella produzione di pandori di San Giovanni Lupatoto l'inquietudine sul destino dell'ingrediente fondamentale. Il quid plus che rende unico il pandoro Melegatti. Da giorni gli operai entrano egualmente nello stabilimento per girare il lievito madre.

LEGGI ANCHE Melegatti, lo stabilimento è chiuso ma gli operai entrano per curare il lievito madre del 1894

LA PROPOSTA
Ma oggi una proposta decisiva arriva da Bioenologia 2.0 di Oderzo. L'azienda, leader nella produzione di lieviti per vino, birra e panificazione, mossa da spirito solidaristico nei confronti di un'eccellenza veneta che ha fatto scuola nel mondo e che ora rischia di andare perduta, ha deciso di offrire il suo aiuto, mettendo a disposizione personale ed impianti, per prendersi cura del lievito madre di Melegatti. Maurizio Polo, amministratore unico di Bioenologia 2.0, intende offrire un aiuto concreto e assolutamente gratuito al fine di preservare un patrimonio unico e prezioso, creato nel 1894, che rappresenta il cuore e l'emblema di un'impresa che ha saputo lavorare e investire sulla qualità. Il lievito madre, che necessita di quotidiane cure e che ogni giorno deve essere rinfrescato per essere impiegato al meglio nell'impasto (di cui si occupa al momento un operaio con encomiabile spirito di responsabilità), potrebbe essere trasferito e custodito all'interno degli stabilimenti di Oderzo in attesa di un'evoluzione post fallimento.
 
OFFERTA DI AIUTO
Maurizio Polo si impegna ad accudire uno degli ingredienti fondamentali del pandoro Melegatti, e qualora si rendesse necessario, a procedere alla sua mappatura genetica. Un modo per salvare uno dei prodotti più celebri d'Italia, in attesa che si risolva la vertenza sul marchio.

Come noto, il Tribunale ha dichiarato il fallimento della Melegatti. Nella famiglia ex proprietaria si è aperto uno scontro molto acceso, ma tra i dipendenti c'è chi continua a curare il prodotto. E quotidianamente entra nello stabilimento per girare il lievito madre, uno degli ingredienti fondamentali del pandoro, creato nel 1894. Gesto simbolico per una realtà azzerata che vede circa 350 lavoratori, tra stagionali e dipendenti, coinvolti. Una storia travagliata, che sembrava esser sul punto di ripartire grazie alla solidarietà partita dal web per invitare al consumo dei prodotti durante le ultime festività natalizie. A nulla sono valsi anche i tentativi di soccorso dello storico marchio prima dal fondo maltese Abalone e poi dal marchio trevigiano di caffè Hausbrandt. Nulla però si è concretizzato. L'offerta di Bioenologia 2.0 però metterebbe intanto al sicuro l'ingrediente base del celebre dolce. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 7 Giugno 2018, 11:40






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
L'azienda trevigiana che vuole salvare l'antichissimo impasto della Melegatti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2018-06-08 13:23:23
non so niente dell'azienda né dell'impasto, ma effettivamente il pandoro melegatti era di larga misura il più buono di tutti. Salvarlo è un sacro dovere verso la collettività e la tradizione.
2018-06-07 17:16:43
azienda da comprare a occhi chiusi, altro che. speriamo qualcuno la rilievi, e con un giusto rilancio, potrebbe diventare una delle leader mondiali del settore dolciario. ma serve gente capace a far impresa, e non bamboccioni figli di papà.
2018-06-07 17:51:14
Occhi chiusi molto bene, ci sono oltre 50M di debiti.
2018-06-07 18:47:07
mi sembra che chi compra dai fallimenti, non compra i debiti ma solo l'azienda per quello che è.
2018-06-07 23:30:01
Di fatto finora sono scappati a gambe levate appena visto il bilancio. Se l'azienda valesse i debiti "per quello che e'" sarebbe gia' passata di mano.