Stop alla campagna pasquale della Melegatti: «Tardivo l'intervento di Hausbrandt»

Stop campagna pasquale Melegatti  «Tardivo l'intervento di Hausbrandt»
VERONA  - Il Tribunale di Verona non ha dato il via libera alla campagna pasquale di Melegatti che sarebbe stata finanziata dall'azienda trevigiana caffè Hausbrandt di Fabrizio Zanetti. La mancata approvazione è stata motivata con la mancanza dei tempi tecnici per produrre 300mila colombe (come previsto nella mini-campagna pasquale), dal 19 febbraio al 9 marzo, quindi ben oltre i tempi fissati dal Tribunale stesso e concordati con i commissari giudiziali per attivare le misure per il risanamento della storica azienda dolciaria di San Giovanni Lupatoto (Verona).

Il termine per la presentazione del piano di risanamento di Melegatti al Tribunale scaligero, infatti, scade il 9 marzo e il giudice ha convocato i soci il prossimo 23 febbraio per fare il punto della situazione, che finora ha presentato zone «grigie».

I particolari sul Gazzettino del 10 febbraio
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 9 Febbraio 2018, 19:56






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Stop alla campagna pasquale della Melegatti: «Tardivo l'intervento di Hausbrandt»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2018-02-10 14:34:33
Ho tanto l'impressione che la proprietà, dopo aver sfasciato l'azienda, non accetti di mettersi da parte, e voglia continuare a comandare con i soldi che mettono gli altri. Non ho prove per quello che affermo, solo una netta sensazione
2018-02-10 14:30:27
Con le date di questo articolo io non ho capito nulla....
2018-02-10 13:31:26
Burocrazia, intoppi, leggi, sentenze sono la morte di ogni iniziativa.
2018-02-10 16:04:46
la burocrazia non c'entra nulla. il tribunale deve tutelare i diritti dei creditori.
2018-02-10 10:38:26
Il tribunale avrà tutte le ragioni di questo mondo, ma non si può giocare sulla pelle di cento famiglie. Anche se ci sono zone grigie da chiarire, fategliele fare ste colombe, non saranno trecentomila ma intanto lavoarano e si alimenta la speranza. Così è un pugno in faccia per tutti i lavoratori.