Sabato 9 Febbraio 2019, 12:44

La fidanzata di Manuel: «Gli ho fatto una promessa: sempre al suo fianco»

La fidanzata di Manuel: «Gli ho fatto  una promessa: sempre al suo fianco»

di Camilla Mozzetti

«Non lo lascerò solo dopo quello che è successo. Ripartiamo da qui insieme, gliel'ho detto a Manuel e lui è felice». Martina, occhi verdi e sguardo pulito, ha appena sedici anni, ma il coraggio di una donna. Lo stesso che sabato notte l'ha tenuta al fianco del diciannovenne, il suo fidanzato, quando, agonizzante, era riverso in terra dopo esser stato colpito da quel proiettile calibro 38 alla schiena. In questi giorni con gli amici e i compagni del nuoto del Centro federale di Ostia si è confidata, provando ad alleggerire la tensione accumulata dopo la sparatoria, nella speranza di distogliere dalla mente quegli attimi di paura che non potrà comunque mai scordare.

L'AUDIOMESSAGGIO DI MANUEL AGLI AMICI


«È stata un'esperienza che non dimenticherò mai e capisco che mi trovo di fronte a una cosa più grande di me, spero tanto per Manuel», ha detto ieri la ragazza.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La fidanzata di Manuel: «Gli ho fatto una promessa: sempre al suo fianco»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2019-02-11 12:42:28
Già detto....non si fanno mai promesse e non si prendono impegni quando c'è l'emotività...maiiii... l'emozione non è razionale
2019-02-11 11:13:27
E naturalmente, i buoni sentimenti, anzichè essere privati, vanno sbandierati senza pudore.
2019-02-11 12:34:09
Nel momento in cui, volente o nolente, finisci sotto i riflettori, lo show system dispone di te. Si fosse chiusa nel mutismo l'avrebbero fatta passare per indifferente, qualunque cosa avesse detto avrebbe trovato degli amplificatori distorti e dei critici. Lasciatela in pace a fare le sue scelte idealiste da sedicenne, poi si vedra'
2019-02-10 05:55:27
Lodevole! Chi vivrà vedrà. Anche se ho esperienza diretta di almeno 3 mogli di amici (con figli) che hanno abbandonato miseramente i propri coniugi dopo che era stata diagnosticata loro una patologia nefasta (cancro e SLA). Tutte quaranta/45enni, che però si sono "portate a casa" la tanto agognata pensione di reversibilità!