Sabato 29 Dicembre 2018, 19:46

Operato di ernia: resta invalido ​a 45 anni. Tre interventi in 15 giorni

PER APPROFONDIRE: belluno, ernia, invalido, operazione, treviso
Operato di ernia: resta invalido  a 45 anni. Tre interventi in 15 giorni

di Olivia Bonetti

Tutto è iniziato con una semplice ernia al disco curata all’ospedale di Belluno. Da lì tre operazioni in 15 giorni, tre ospedali passando per due province e diversi ricoveri. Alla fine è stato salvato in extremis quando ormai una peritonite gli aveva perforato l’intestino. È la drammatica storia di un 45enne della Castellana che oggi si ritrova invalido al 50%. L’uomo, un tempo forte e abituato a lavorare nei cantieri come escavatorista, oggi può svolgere solo semplici mansioni da impiegato, purché vi siano riposi frequenti, garantiti dalla legge 104. Una vita rovinata e danni che supererebbero i 500mila euro dei quali ora il 45enne chiede conto alle Usl di Belluno e della Marca trevigiana. 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Operato di ernia: resta invalido ​a 45 anni. Tre interventi in 15 giorni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2018-12-30 12:19:22
È stato criticato lo spot in tv della Bonaccorti per il risarcimento medico. Ma se un medico sbaglia gravemente il suo lavoro cosa dovremmo fare noi poveri pazienti se non lamentarci e richiedere un intervento giudiziario ? Se io sbaglio nel mio lavoro, pago per l'errore commesso. Perchè i medici non devono pagare come tutti noi poveri mortali ?
2018-12-31 12:17:47
Se un medico sbaglia paga come tutti, bisogna altresì lasciargli la serenità di lavorare tranquillo altrimenti quello si preoccuperà più di non prendere una denuncia, che di salvarci la vita.
2019-01-02 10:43:13
In parte gia' avviene cosi'. E questo, al di la' di tutto, poco e male si "sposa" con la cura del paziente.
2018-12-30 11:55:54
ernia discale: con quale nesso peritonite e perforazione intestinale?
2018-12-30 12:51:42
mi pare di aver capito che la peritonite e relativa perforazione sia stata causata dai medicinali assunti per lenire i forti dolori. a questo punto perchè non portare in tribunale le case farmaceutiche?