Dottoressa e mamma di 47 anni vinta dal male: «Resisteva per il figlio»

Niloufar Tadayyon

di Elisa Giraud

CONEGLIANO - Sguardo dolce, capelli biondi sbarazzini, rossetto brillante. Ogni cellula di Niloufar Tadayyon sprigionava la sua voglia di vivere. Una vitalità che però non è riuscita a strapparla ad un brutto male che l'ha costretta a lottare tre anni. Nilu, così era conosciuta da tutti, mamma e medico, si è spenta a 47 anni, dopo aver affrontato un lungo calvario che l'ha provata nel fisico, ma non nell'animo.

Niloufar, di origini iraniane, lavorava dal 2009 nel reparto di nefrologia e dialisi all'ospedale Santa Maria dei Battuti a Conegliano. Nella città del Cima, oltre al lavoro, ha trovato anche l'amore e formato una famiglia. Era sposata con Aldo Aceto, coordinatore del settore del minirugby del Rugby Conegliano, dal quale ha avuto il piccolo Daniele...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 6 Dicembre 2017, 10:02






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Dottoressa e mamma di 47 anni vinta dal male: «Resisteva per il figlio»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-12-06 12:22:36
RIP.Se ne vanno sempre i migliori.
2017-12-06 10:21:21
Aumentano esponenzialmente i casi di tumore mortale anche in eta' giovanile. Eppure sostengono che l'aspettativa di vita e' aumentata. A chi credere? Condoglianze ai familiari per questa Mamma.
2017-12-06 12:04:04
Non e' vero che sempre i casi di tumore mortale aumentino esponenzialmente: in realta' i casi di tumore sono sempre lo stesso numero, aumentano invece il numero delle diagnosi: in passato molte morti venivano imputate a diagnosi diverse e quindi il tumore non veniva scoperto. Non sempre le patologie aumentano, quelli che aumentano sono i riconscimenti di esse.