Alpini, una tre giorni trionfale
Ma è polemica sul caos treni

PER APPROFONDIRE: adunata, alpini, treni, trenitalia, treviso
Alpini, polemica sul caos treni
TREVISO - Tutto bene, tranne i treni. Al netto degli ubriachi e di qualche borseggiatore, dei malori e di alcuni ingorghi, sono stati i trasporti ferroviari l'unico e vero problema di Treviso 2017 (Passeggeri infuriati in stazione: guardate cosa è successo a Spresiano /VIDEO. Convogli insufficienti, stazioni sovraffollate, corse saltate: fra disagi e rabbia, ecco l'altra faccia dell'Adunata degli alpini.

TRAGEDIA SOTTO IL TENDONE - Alpino stroncato da un infarto a 55 anni

 



Le condizioni maggiormente critiche si sono verificate nella notte fra sabato e domenica. Le avvisaglie c'erano state già nel pomeriggio, con i vagoni sovraccarichi e i sottopassi paralizzati, senza contare le lunghe code alle biglietterie, tanto da bloccare a tratti l'accesso anche a scali periferici come quello di Conegliano. Ma è stato dalla serata che la situazione è decisamente precipitata. Via via che il centro di Treviso gradualmente si svuotava, decine di migliaia di persone si sono riversate sulla stazione ferroviaria, seguendo peraltro l'appello dell'organizzazione ad utilizzare i servizi pubblici, in considerazione del piano straordinario concordato con Trenitalia. Ma evidentemente quel programma si è rivelato insufficiente. «Eravamo preparati a gestire 60/70mila persone, ne sono arrivate oltre il doppio», ha poi spiegato Claudio Bortoletto, comandante della Polfer. Il picco della tensione è stato registrato alle 3.40 del mattino, sulla linea Venezia-Udine che non a caso si è rivelata quella maggiormente penalizzata dai disservizi, quando l'ultimo treno è partito per il Friuli lasciando sulla banchina 200 viaggiatori, furiosi e preoccupati.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 15 Maggio 2017, 08:34






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Alpini, una tre giorni trionfale
Ma è polemica sul caos treni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 19 commenti presenti
2017-05-16 07:11:20
Trovato ieri su lweb "nella steppa con lamontagna nel cuore.l'affardellamento alpino nella ww2" I successi hanno sempre qualche inconveniente, un piccola caporetto, dovuta ad afflusso di visitatori e alpini.D'altr aparte, cosa si pretende se i pendolari lavoratori e studenti sono quasi sempre in numero maggiore dei posti a sedere?.Eppure e' routine.
2017-05-15 19:03:35
Abito in città. Festa bellissima e ben organizzata. Le strade e gli accampamenti la domenica mattina erano pulitissimi. Sono mesi che visito trincee e musei di guerra all'aperto, sistemati dai volontari Alpini. W gli Alpini, grazie. Loris Dal Poz
2017-05-15 18:03:26
Dovevano mettere un Alpino ad organizzare il traffico ferroviario... Se c'era l'invito ad usare i mezzi pubblici, ovvero i treni, doveva esserci anche quello di prenotare per tempo i biglietti. Avrebbero evitato le code alle biglietterie e, soprattutto, avrebbero dato un'idea a Trenitalia del numero di treni occorrenti. Ma, vista la dimensione di queste adunate, i vari responsabili del trasporto ferroviario non avevano pensato a treni speciale e/o ad adattare i loro piani in corso d'opera ? Nessun coordinamento con prefetti, organizzatori, FFOO ? italia.
2017-05-15 17:08:46
Che le ferrovie italiane non siano in grado di fornire un adeguato servizio è risaputo, era necessario quadruplicare i convogli per quei 3 giorni e semplificare l'emissione dei biglietti (se provavano a farli alle biglietterie automatiche che ti ricordando ogni volta, perdendo un'etrnità di tempo, di fare attenzione ai borseggiatori ed una miriade di altre cose inutili invece di farti il biglietto)... ma si sa che l'ultimo dei pensieri dei dirigenti di Trenitalia è quello di soddisfare i viaggiatori (in particolare i pendolari) o fornire un servizio... potevano mettere a disposizione qualche freccia rossa che costa più dell'aereo!
2017-05-15 15:27:43
Alla fin fine solo una settimana di caos, bevute e risse ....bella roba.....mah...ciao.