Vaccini ancora da fare: 500 bambini rischiano di essere espulsi da scuola

PER APPROFONDIRE: asili, obbligo, scadenza, scuola, vaccinazioni
Vaccini ancora da fare: 500 bambini rischiano di essere espulsi da scuola
ROVIGO - Mezzo migliaio di piccoli polesani rischiano di essere espulsi da scuola perché i loro genitori non li hanno sottoposti ai cicli di vaccinazioni previsti per legge. La nota del ministero della Salute dispone che i bambini non in regola con le vaccinazioni siano espulsi da nidi e materne e indica a scuole e sindaci come comportarsi dopo il 10 marzo, ultima data per mettersi in regola con le dieci vaccinazioni obbligatorie.

Dei 500 bambini non in regola in Polesine, una sessantina sono figli di genitori “no vax”, vale a dire gli irriducibili che si oppongono ad ogni tipo di vaccinazione. Da ieri anche il Comune di Rovigo si sta attrezzando per far fronte agli obblighi di legge.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 9 Febbraio 2018, 06:30






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Vaccini ancora da fare: 500 bambini rischiano di essere espulsi da scuola
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2018-02-09 15:08:32
"Espulsi da scuola". E' un modo alquanto pittoresco per dire che non possono frequentare un ASILO o meglio un nido dove ci sono bambini che non hanno ancora raggiunto l'eta' per essere vaccinati e quindi sono vulnerabili verso le infezioni che i bambini non vaccinati potrebbero diffondere.
2018-02-09 11:57:20
La data 'fatidica' del 10 marzo è solo la data entro il quale i genitori che hanno dichiarato di aver fatto le vaccinazioni devono dimostrare quanto dichiarato attraverso le prove, ovvero attraverso il libretto vaccinale. Punto. Nient'altro. Peraltro dichiarare il falso è punibile penalmente. La legge (sia il decreto sia la legge di conversione) non indicano null'altro. Ovvero per i genitori che hanno dichiarato di aver richiesto alla ASL un appuntamento vaccinale, non c'è alcun obbligo (leggetevi tutta la legge/decreto) di dimostrare alcunché. Anche perchè, peraltro, il percorso di recupero vaccinale puo essere personalizzato e non è detto che si debba concludere, anche in base alle tempistiche della ASL, a marzo. Nulla è indicato nella legge per possibili esclusioni per l'anno in corso, che è un anno di fatto transitorio. A me risulta che chi non è in regola con le vaccinazioni obbligatorie, non potrà iscrivere il figlio per il prox anno, compreso chi ha indicato come opzione la richiesta di appuntamento.
2018-02-09 11:36:41
fanno bene a non avvelenare i propri bimbi.
2018-02-09 11:51:26
Meglio che possano morire di morte naturale ?
2018-02-09 12:12:53
fanno i vaccini come quelli che si facevano fino l'anno scorso. non 11 e contenenti mercurio Io come mai ho 35 anni e sono VIVO e VEGETO ?