Polesine, in sciopero nove medici di base su dieci

PER APPROFONDIRE: medici di base, polesine, sciopero, veneto
Polesine, in sciopero nove medici di base su dieci

di Marco Scarazzatti

ROVIGO - La due giorni di sciopero dei medici di base, iniziata ieri e in programma anche oggi, in Polesine ha fatto registrare il record di adesioni: 9 su 10 i medici che hanno tenuto l'ambulatorio chiuso. La protesta non ha visto particolari situazioni di disagio. Anche perchè i pazienti, tramite giornali, telegiornali, cartelli affissi per tempo fuori dagli ambulatori, o anche con lo stesso passa parola, erano per la maggior parte stati avvisati. Nonostante questo c'è stato ugualmente chi ieri mattina ha provato ad andare dal suo medico curante, ma più per verificare se effettivamente lo studio fosse chiuso.

PORTE CHIUSE
«Io sono andato dal mio medico nelle prime ore della mattina, perchè mia moglie aveva notato un cartello riportante solo la data di giovedì 9 novembre - racconta Claudio Buson, di Lusia - Ma poi una volta andato in ambulatorio ho visto che c'era scritto anche mercoledì 8 novembre. Non me la sono di certo presa con il mio medico, che ha tutto il diritto di scioperare, al limite me la prendo con mia moglie che ha letto male il cartello». C'è anche chi si è portato avanti, facendo visite ed esami prima e dopo lo sciopero. «Ho effettuato una visita dal mio medico una settimana esatta fa - racconta Federica Siligardi, di Rovigo - Proprio perchè sapevo che ci sarebbe stata questa doppia giornata di sciopero. E con il mio medico ho deciso di programmare un'altra visita, con relativi esami, durante il prefestivo della passata settimana, attendendo poco più di un'ora»...

 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 9 Novembre 2017, 11:55






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Polesine, in sciopero nove medici di base su dieci
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-11-09 12:35:36
A leggere l'articolo, si capisce che l'intenzione e' sottolineare che questi bravi e correttissimi medici non hanno creato nessun disservizio ai loro pazienti, che si sono organizzati in modo da non dare problemi a nessuno, e che i cittadini sono tutti contenti e solidali con loro. Mah. Io negli ambulatori e in farmacia ho sentito solo lamentele.