Rovigo-Verona. Un'odissea lunga 96 chilometri: ecco la "freccianera" dei ritardi del Nordest

Un'odissea lunga 96 chilometri: ecco la freccianera dei ritardi del Nordest

di Gabriele Pipia

ROVIGO/VERONA - «In Italia abbiamo il Frecciabianca, il Frecciargento e il Frecciarossa. Qui passa invece il Freccianera». Enrico Cattolico, 57 anni, guarda il treno su cui viaggia ogni mattina e poi allarga le braccia. Parla con amara ironia, perché ormai è stanco di arrabbiarsi e lamentarsi. Enrico è tra le centinaia di pendolari che percorrono la tratta Rovigo-Verona, considerata da Legambiente addirittura la quarta peggiore d'Italia
 


La linea gestita da Servizi territoriali Spa, società controllata dalla Regione Veneto, è lunga 96,6 chilometri e collega due capoluoghi. Eppure il report Pendolaria parla chiaro ed evidenzia una lunga serie di problemi, puntualmente confermati da studenti e lavoratori. «Treni vecchi, spesso in ritardo oppure cancellati. Molte fermate non sono illuminate e sono sprovviste di tabellone luminoso» raccontano in coro i pendolari, mentre salgono sul treno che alle 8.38 parte dal Polesine per raggiungere la città di Romeo e Giulietta. Un ragazzo, più imbufalito degli altri, rincara la dose: «Questi treni sono catorci, e i viaggi sono spesso un'incognita».  Molti lavoratori sono già saliti sui due convogli precedenti, su questa corsa troviamo soprattutto studenti universitari. Tutti, in ogni caso, viaggiano su automotrici a gasolio dei primi anni 90 (se va bene) o addirittura degli anni 70 (quando va male). La linea, ovviamente, non è elettrica...
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 13 Dicembre 2017, 09:00






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Rovigo-Verona. Un'odissea lunga 96 chilometri: ecco la "freccianera" dei ritardi del Nordest
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2017-12-13 17:18:30
A... ma adesso arriva la dx a governare il veneto e sistema tutto.......come?...cosa dici?... c'è già la dx? Si si da mo...prima c'era galan ma doveva pensare al mose e non aveva tempo di pensare alle ferrovie. E te savessi quanto el doveva lavorar per far quadrare i conti co sto mose. Adesso, da un bel po', c'è il brillantina...ma anche lui ha tante cose da pensare....la pedemontana...il tiramisù...il prosecco, e da ultimo il referendum. Come fa a trovare il tempo per migliorare le ferrovie? Adesso i soliti bauccotti scriveranno che non è compito suo ecc. ecc. ecc. Sveieve che i ve tol in giro tutti.
2017-12-13 15:42:44
bisogna anche vedere se questa linea è remunerativa. quanti sono quelli che la fanno ogni giorno? ci sono passeggeri a sufficienza? perchè ho l'impressione che da rovigo a verona non sia una tratta molto frequentata, forse i tratti in avvicinamento alle due città negli orari di punta nei due versi ma per il resto temo giri semi vuota.
2017-12-13 15:35:12
Dipende da quanti voti portate ai soliti noti! Se foste decine di migliaia allora il ragionamento lo potrebbero fare, cento o duecento ... abbiate fiducia, ci pensano!
2017-12-13 13:12:26
Alla dirigenza gli intressano gli stipendi. Dei viaggiatori non gli frega un fico secco. Credetemi!
2017-12-13 12:58:18
Le automotrici di tali annate e tipologia, in Eritrea sulla linea Asmara ancora in uso se le prenderebbero ben volentieri assieme a vecchi binari e traversine di legno impregnato.