«Ho febbre alta, nausea e respiro male»: raffica di chiamate al 118

PER APPROFONDIRE: 118, chiamate, influenza, rovigo
«Ho febbre alta, nausea e respiro ​male»: raffica di chiamate al 118

di Francesco Campi

ROVIGO - Dopo le feste, arriva l'influenza. Questo fine settimana il centralino del 118 è stato letteralmente tempestato di chiamate di persone che chiedevano aiuto per febbre alta, nausea e affaticamento respiratorio. Due sintomi di per sé non rassicuranti, anche se in questo caso dovuti all'ondata influenzale che sta crescendo in questi giorni a ritmo vertiginoso. E così, nel primo freddissimo sabato del nuovo anno, ecco che fra Suem e Guardia medica, sono state circa 500 le chiamate, con la quasi totalità da parte di pazienti alle prese con l'influenza. Prevalentemente, fanno sapere dalla centrale operativa, le telefonate sono arrivate da persone anziane, ma non sono mancate anche le mamme preoccupate per la salute dei loro figli piccoli. Del resto, già le prime stime del mese scorso avevano preconizzato che il picco influenzale sarebbe stato raggiunto già a gennaio...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 9 Gennaio 2017, 10:03






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Ho febbre alta, nausea e respiro male»: raffica di chiamate al 118
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-01-09 18:58:48
Devo anch'io essere compreso fra i chiamanti del medico di guardia! VACCINO FATTO anche mia moglie, eppure tutti e due con febbre altissima da ben quattro giorni e... malgrado la tachipirina suggerita dal medico tutto resta in stallo. Domanda spontanea, a cosa serve il vaccino?
2017-01-09 13:11:59
Mai usato vaccini anti influenzali e mai avuto problemi, fortunato me.
2017-01-09 12:22:32
nolgirra. Se preferisce, in un paese "ideale". Tutti gli anni di questi tempi la solita storia sui Pronto Soccorsi intasati dall'influenza. In italia (minuscolo) si vaccina una percentuale minima non dico della popolazione ma dei soggetti a rischio di compllicazioni (bambini piccoli, pazienti cronici, vecchietti, asmatici, cardiopatici, etc). Tutti gli anni tutti ironizzano sulla campagna vaccinale "venduta ai farmaceutici", tutti gli anni tutti si lamentano dell'influenza. Tutti gli anni, "dopo" l'Istituto Superiore di Sanita' pubblica le sue statistiche su decessi e ricoveri. Ma fare qualcosa di piu' prima ? Incentivare l'italico medio colpendolo nel suo affetto piu' caro (il portafogli) ?
2017-01-09 11:24:11
Ci vuol dire, per cortesia, in quale "paese civile" fanno questo "test rapido per l'influenza"? E dove fanno pagare le prestazioni in base al fatto di essere vaccinati o no?
2017-01-09 10:29:45
In un paese civile ci sarebbe la possibilita' anche in PS di fare un test rapido per l'influenza. Quelli positivi, NON vaccinati, pagano TUTTE le prestazioni