Blitz nei laboratori lager, lavoratori in nero e tra sostanze tossiche

Blitz nei laboratori lager, lavoratori  in nero e tra sostanze tossiche

di Francesco Campi

OCCHIOBELLO - Otto lavoratori piegati sulle macchine da cucire, completamente in nero, uno anche clandestino, all'interno di un capannone alle porte di Santa Maria Maddalena, al numero 17 di via Piacentina, già finito sotto sequestro perché alla proprietaria sono addebitati reati di tipo fiscale. Il laboratorio tessile fantasma, con porte e finestre completamente coperte da teli neri per evitare che la luce potesse trapelare all'esterno, faceva capo a un titolare di origini cinesi, nei confronti del quale, già nel 2016, era stato disposto il sequestro di un capannone industriale in via delle Scienze 16.

A scoprire l'attività irregolare, la Guardia di Finanza di Occhiobello che l'ha poi passata al setaccio con la collaborazione della Direzione territoriale del Lavoro, dei vigili del fuoco, dello Spisal e della polizia locale di Occhiobello, facendo saltare fuori violazioni di ogni tipo, da quelle fiscali e contributive per i lavoratori in nero a quelle edilizie per muri tirati su senza alcun permesso, dai reati ambientali, per la presenza di bidoni contenenti sostanze tossiche, a quelle in materia di sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 24 Febbraio 2018, 11:09






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Blitz nei laboratori lager, lavoratori in nero e tra sostanze tossiche
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-02-25 09:11:18
Sempre in quelle zone depresse, mah....ciao enrico..ciao.
2018-02-24 12:04:38
.. e tanti cuccioli di cane.... per colazione...
2018-02-24 11:54:49
Poi ci si chiede come mai tanti capi esposti ai mercati, puzzino cosi' tanto, non ostante il giro d'aria. Prodotti chimici e afrori umani.
2018-02-24 11:32:24
C'erano anche bambini ?