Manca il vigile: annullate 34 multe dell'autovelox in tangenziale

Manca il vigile: annullate 34 multe dell'autovelox in tangenziale

di Francesco Campi

ROVIGO - Come se le casse di Palazzo Nodari non avessero già abbastanza problemi, ecco una sentenza che rischia di dare un'ulteriore mazzata. Il giudice del Tribunale Pierangela Congiu, infatti, ha confermato l'annullamento delle 34 multe, per un totale di circa  6mila euro, che un automobilista dal piede pesante ha collezionato in cinque settimane nel corso dell'estate del 2015 sulla Tangenziale Est venendo fotografato a ripetizione dall'autovelox. Si tratta del secondo grado di giudizio, che conferma la sentenza di primo grado emessa a novembre dal giudice di pace Marco Suttini.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 4 Ottobre 2017, 05:03






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Manca il vigile: annullate 34 multe dell'autovelox in tangenziale
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2017-10-04 19:59:22
... come ogni cosa " vietata " scorazzare per le strade è molto intrigante . paradossalmente gli incidenti gli fanno o fanno fare gli imbranati non ligi alla legge ma prigionieri del loro essere ...
2017-10-04 21:09:14
Interessanti certi commenti, i quali vogliono dire tutto senza dire niente.
2017-10-04 14:17:32
copppertone, per quale motivo solo in Italia il vigile deve essere presente presso l'autovelox fisso !!! nelle altre nazioni il vigile o polizia stradale e presente (ovvio) solo con gli autovelox mobili
2017-10-04 13:29:28
giusto, il vigile deve essere presente. ma quell'automobilista di andare più piano cosa ne pensa? a questo punto io avrei lasciato le multe ed avrei condannato i vigili, non il comune, per abuso d'ufficio.
2017-10-04 12:53:44
Giustizia italiana sempre più giusta. Nessuna sanzione per un automobilista abituè dell'alta velocità, beccato per ben 34 volte in 5 settimane a superare i limiti di velocità. Purtroppo non è la prima volta che ho avuto modo di constatare che, nel nostro beneamato paese, disonesti e delinquenti sono molto più tutelati delle persone oneste.