Litiga con il marito e lo accoltella alla gola: 83enne in fin di vita

L'abitazione di via Marangona nella quale è avvenuto il tentato omicidio
PORTO VIRO - Al termine di una lite tra anziani coniugi la moglie, una 81enne polesana, ha accoltellato il marito di 83 anni, ferendolo gravemente alla gola.

E' successo questa mattina in via Marangona a Porto Viro. L'uomo, affetto da una malattia degenerativa, ora si trova ricoverato con prognosi riservata all'ospedale di Rovigo. E' stato sottoposto a un intervento chirurgico per le profonde ferite riportate alla gola che gli hanno lacerato anche il palato.

È stato il figlio della coppia a chiamare l'ambulanza del 118 attorno alle 7.30. Indagini in corso da parte dei carabinieri. Per il momento non sono stati presi provvedimenti nei confronti della moglie.


+++ I dettagli nell'edizione di Rovigo del Gazzettino di giovedì 18 maggio +++
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 17 Maggio 2017, 13:07






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Litiga con il marito e lo accoltella alla gola: 83enne in fin di vita
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2017-05-18 13:15:51
A voLTe NoN CaPisco , aLLe SoGLie deL Paradiso..., Si PoSSa aRRivare a TanTo...LEi Poverina , avra soPPorTaTo X 60 aNNi ,PoTeva aspeTTare ancora quaLche aNNo...
2017-05-17 13:48:31
Forse si sono persi la notizia che esiste il divorzio.
2017-05-17 13:29:26
Educati dalla Chiesa: "finchè morte non vi separi". Deve averne subite troppe questa povera donna per arrivare a questo gesto estremo. Come la capisco. Ha tutta la mia compassione. Ci sono così tante tragedie "mute" consumate tra le mura domestiche. Poi, c'è la pietruzza che fa sbilanciare .
2017-05-18 10:33:59
Se la mette così allora dovrebbe valere lo stesso per i mariti che ammazzano le mogli in un momento di raptus?In questi casi lei si chiederebbe ugualmente:Chissa quante deve averne subite quest'uomo per arrivare a compiere quel gesto?Cerchiamo di non generalizzare arrivando a conclusioni senza fatti e dando per scontato che siano sempre le mogli le vittime e i mariti sempre gli aggressori.