Martedì 19 Giugno 2018, 08:16

Il papà sconvolto: «Il mio Leo può essere morto inseguendo un ladro»

Leonardo Faggion

di Maria Elena Pattaro

MEGLIADINO SAN VITALE - «Siamo distrutti e increduli. Stiamo ancora sperando che la salma che vedremo in obitorio non sia quella di nostro figlio». La morte del 18enne Leonardo Faggion, falciato sabato mattina da un treno regionale a Borgo Veneto, in località Saletto, non dà pace ai genitori del ragazzo, morto dopo aver ricevuto la notizia della bocciatura. E di fronte a una perdita che ha tolto il respiro all’intera comunità di Megliadino San Vitale, il padre si aggrappa all’ipotesi che il figlio possa essere “inciampato” sulle rotaie. «La bicicletta e il portafoglio non sono stati trovati da nessuna parte e questo mi fa pensare. – afferma – L’unica cosa certa è che è finito sotto al treno. Mi sono immaginato una situazione plausibile: magari qualcuno gli ha rubato bicicletta e portafoglio, lui ha inseguito il rapinatore lungo la ferrovia e nella corsa è finito sui binari. Potrebbe essere stato un incidente, quindi, anche se la sostanza non cambia: nessuno potrà più restituirci Leonardo».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il papà sconvolto: «Il mio Leo può essere morto inseguendo un ladro»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti