Si dimettono 22 consiglieri comunali: Bergamin non è più sindaco

Si dimettono 22 consiglieri comunali  Bergamin, Lega, non è più sindaco
ROVIGO Dopo  21 giorni dall'azzeramento della Giunta di Rovigo, 22 consiglieri su 32, di tutti gli schieramenti hanno firmato  le dimissioni, facendo così calare il sipario sull'avventura del leghista Massimo Bergamin come sindaco del capoluogo polesano ed aprendo la strada alle elezioni anticipate.

Dalla Prefettura era stato infatti ribadito che, per evitare un commissariamento fino alla tornata delle amministrative del 2020, era necessario chiudere tutto entro oggi. E così è stato.

I particolari sul Gazzettino del 22 febbraio 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 21 Febbraio 2019, 21:46






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Si dimettono 22 consiglieri comunali: Bergamin non è più sindaco
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 25 commenti presenti
2019-02-24 00:53:51
Claudio prot. Farneticare sembra il suo hobby preferito! Ha molta fantasia, i fatti parlano diversamente. Cosa le devo dire: il Po divide le due regioni da decenni. l'Adige le due province. Questa è la realtà non le cincischiate di un pros qualunque!
2019-02-23 13:19:29
Dio creo'Rovigo. Poi, resosi conto di cio'che aveva fato, creo'la nebbia.
2019-02-23 10:47:15
claudio pros "il sentire della stragrande maggioranza delle persone di buon senso in tutto il Paese" non raccontare balle, sei il solo che dice queste cavolate,inoltre cosa c'entri tu con il VENETO!!!! pros e' un tipico cognome libico/francese
2019-02-22 17:25:40
Claudio pros. Quando mai Rovigo sarebbe stato sotto l'Emilia? No spiegami per piacere. Il tuo pensiero penso sia condiviso (in tono molto goliardico tra l'altro) al massimo da alcuni paesi che stanno al confine tra le due regioni e dove si parla correntemente un dialetto emiliano seppur misto al Veneto. Per il resto, si vede non sei di quelle parti. Qui si dice che a suo tempo, nel 1951 i ferraresi abbiano fatto in modo che gli argini del Po si rompessero dalla parte del Rodigino. L'alluvione infatti fu solo in territorio rodigino. Sono voci, però, proprio per questo, buona parte dei rodigini non vorrebbero passare dall'altra parte...del Po!
2019-02-22 19:40:05
Conosco diverse persone del Polesine, tra cui alcuni sono miei amici, che ovviamente in maniera umoristica, non dispiacerebbe affatto essere governati dall'Emilia. Per quanto riguarda l'alluvione, basta fare una ricerca in internet per verificare che la storia della volontà di rompere gli argini nella parte veneta, ha la stessa vericidità delle scie chimiche comprovate dai terrapiattisti.