Cassonetti dati alle fiamme: scatta l'allarme piromane in città

PER APPROFONDIRE: cassonetti, incendio, piromane, rovigo
Cassonetti dati alle fiamme: scatta l'allarme piromane in città

di Francesco Campi

ROVIGO - Due cassonetti carbonizzati nel tratto iniziale di Corso del Popolo. Le fiamme sono divampate ieri notte e hanno richiesto l'intervento dei vigili del fuoco, arrivati in tempo per evitare che si propagassero. Ma non abbastanza per evitare che dei due bidoni, uno per plastica e vetro e un per la carta, rimanesse nulla più che lo scheletro annerito e un cumulo di spazzatura carbonizzata a terra. Potrebbe trattarsi di una disattenzione, magari una sigaretta o qualcosa di acceso finito proprio in uno dei due cassonetti. Ma, visti i precedenti, c'è il forte sospetto che possa essersi trattato di un gesto deliberato.

PATTUGLIE DI VOLONTARI
La scia di cassonetti incendiati, una ventina tra luglio e settembre dello scorso anno, è stata tale da far scattare un vero allarme. Nell'ultimo anno, però, non si erano più verificati gravi episodi. Ma le fiamme divampate nuovamente nottetempo, sembrano essere un campanello d'allarme. Il consigliere comunale tosiano Antonio Rossini in merito non ha dubbi e, partendo dai recenti atti vandalici che hanno interessato piazza XX settembre, sottolinea come «ora gli imbecilli sono passati anche per corso del Popolo, l'arteria principale della città. Visto che le forze di polizia sono sotto organico - rimarca rivolgendosi al sindaco - attiviamo gli osservatori volontari dando priorità a pattuglie composte da ex appartenenti alle forze di polizia, per prevenire fenomeni microcriminalità»...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 25 Settembre 2017, 11:52






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Cassonetti dati alle fiamme: scatta l'allarme piromane in città
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-09-25 13:20:31
Oggi il polesine ha aperto con il botto e che botto......comunque sempre in polesine....ciao enrico