Decapitata dal motoscafo, il giallo della terza barca. Armatore nel mirino

Decapitata dal motoscafo, il giallo  su terza barca. Armatore nel mirino

di ​Federico Rossi

ALBARELLA - Ci sono ancora molti interrogativi e aspetti da chiarire sulla morte di Isabella Benetti, la 68enne straziata da un'elica dopo essere stata sbalzata dal tender su cui viaggiava nel porto di Albarella.
Il tender ed il motoscafo coinvolti sono stati posti sotto sequestro e passati con il luminol per trovare tracce di sangue e capire quale elica abbia colpito la donna residente a Santa Maria Maddalena e come d'abitudine in vacanza con il compagno sulla loro barca attraccata al porto dell'isola. La Capitaneria di Porto di Chioggia si appresta anche ad una perizia tecnica sulla dinamica dell'incidente davanti al porto turistico. Stando alla ricostruzione apparsa fino ad ora più attendibile, assieme alla signora Benetti ferrarese originaria di Vigarano Mainarda - sul tender c'erano altre quattro persone e stavano rientrando. In quel momento è transitato un motoscafo condotto dal noto armatore di Porto Tolle (Ro)  Giovanni Visentini, che non si sarebbe scontrato col mezzo della vittima, ma avrebbe provocato uno spostamento d'acqua e probabilmente poi investito la donna.

Non si tralascia anche l'ipotesi che l'onda sia sollevata da una terza imbarcazione che avrebbe fatto perdere il controllo del motoscafo a Visentini; ma all'esame della Capitaneria c'è soprattutto la velocità del mezzo condotto dall'armatore, quest'ultimo medicato alla casa di cura Madonna della Salute di Porto Viro per le ferite ricevute in seguito all'incidente...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 8 Agosto 2017, 09:34






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Decapitata dal motoscafo, il giallo della terza barca. Armatore nel mirino
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-08-08 15:42:36
Che il motoscafista si chiami Visentini o qualsiasi altro nome,in certi loghi e in certi frangenti vi sono dei limiti da rispettare,che purtroppo quasi nessuno rispetta e succedono le disgrazie.
2017-08-08 14:14:04
sto sig. Visentini non mi suona nuovo come cognome. mi pare di averlo sentito nominare qualche anno fa a seguito di un episodio navale non molto chiaro