Senato, Casellati all'attacco: «Chi non è presente prenderà meno soldi»

Senato, Casellati all'attacco: «Chi non è presente prenderà meno soldi»
PADOVA - «L'obiettivo» è quello di «ridurre i costi in una logica meritocratica e di responsabilità»: così la presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati, padovana, in un'intervista a Economy, parla del lavoro in corso di «approfondimento» al Senato, ricordando di aver avanzato la proposta per l'introduzione di «un meccanismo ancora più stringente tra trattamento economico dei parlamentari e loro presenza e produttività. A partire da una reale penalizzazione per ogni assenza in Aula o in commissione. Chi si assenta, chi non lavora deve guadagnare di meno».

Casellati ribadisce i propri dubbi circa il taglio dei vitalizi agli ex parlamentari per quanto riguarda il merito
mentre per quanto riguarda il timing assicura che anche Palazzo Madama farà scattare la nuova disciplina a partire dal 2019.

Giusto o sbagliato? VOTATE IL SONDAGGIO
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 28 Agosto 2018, 13:32






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Senato, Casellati all'attacco: «Chi non è presente prenderà meno soldi»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 47 commenti presenti
2018-08-29 21:40:52
Mi sembra una legge di mercato. In quali altri posti si viene pagati se assenti ingiustificati?
2018-08-29 15:17:06
Oppio per il popolume. lega e 5stelle hanno votato NO ai risparmi al referendum del PD. Sveglia gente anche se penso sia troppo tardi, la maggioranza degli italiani ha fondi illimitati e vuole spendere.
2018-08-29 12:24:29
.....ben pugno di ferro.....!
2018-08-29 12:14:09
Questa di buono ha solò l’aspetto, per il resto ci prende in giro tutti. Intanto dice di mantenere i vitalizzi e poi parla di premiare le presenze, praticamente chiede aumenti di stipendio.... dietro a quel sorriso si nasconde l’inferno... stessa cosa per quell’altro, quella che detiene il primato dei redditi e vuole assumere mezzo milione di statali, proprio quelli che brunetta aveva ridotto... siamo alla follia 5s!
2018-08-29 10:40:37
Condivido quanto osservato in precedenza: un riordino ed un inquadramento meno stellare degli stipendi del personale di Camera e Senato sarebbe doveroso. Quanto ai tagli dei vitalizi bisogna che non dia adito a ricorsi vincenti altrimenti verrà sprecato denaro senza ottenere nulla. Per le varie lobbies, ad es. magistratura, sarebbe il caso di prevedere dei correttivi.