L'allevamento rimane senz'acqua, i pompieri salvano 130mila galline

L'allevamento rimane senz'acqua,  i pompieri salvano 130mila galline
CEREGNANO - Un caldo da disidratazione. Anche per 130mila galline che ieri sono rimasti senz'acqua per molte ore. Finchè non sono arrivati a salvarli i vigili del fuoco del comando provinciale di Rovigo. A tutti gli effetti è stato un intervento da attribuire al caldo, anche se del tutto atipico rispetto a quelli che avvengono solitamente in questa stagione. D'altra parte questa volta a richiedere un intervento di soccorso non erano persone vittime di insolazioni o malori, ma dei polli. Migliaia di polli. In un'azienda agricola con allevamento di pollame, in aperta campagna a Ceregnano ma al confine con il territorio comunale di Gavello, si è verificato un malfunzionamento delle pompe d'acqua dovuto allo svuotamento dell'impianto dell'acquedotto che si era verificato a Gavello durante la notte tra venerdì e sabato. Viste le temperature la preoccupazione per la salute delle bestie era tanta e nel pomeriggio è partita la richiesta di soccorso, dal momento che per il guasto non si riuscivano a riempire le vasche e alle 16 l'azienda ha cominciato ad andare in sofferenza. Mano a mano che le ore passavano si concretizzava il rischio che gli animali potessero morire per il caldo e la sete, ovviamente generando anche un danno rilevante per l'azienda in questione.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 9 Luglio 2017, 05:02






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
L'allevamento rimane senz'acqua, i pompieri salvano 130mila galline
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-07-10 11:57:34
... salvate per ora. ma chi le salverà nei prossimi mesi dai tiracollo.. basta con i lager per animali.. è tempo di cambiare..
2017-07-09 14:24:55
E un'imprenditore che ha questo tipo di esigenze non si é premunito da subito con delle cisterne di riserva per ovviare a questi tipi di problemi che possono succedere?? Ma come caspita lavorano al giorno d'oggi?