L'ultimatum dell'Aci ai Comuni: «Basta autovelox solo per fare cassa»

PER APPROFONDIRE: aci, autovelox, cassa, comuni, ultimatum
L'ultimatum dell'Aci ai Comuni:  «Basta autovelox per fare cassa»
NORDEST - Troppo spesso l'autovelox è infìdo come una trappola. È una slot machine della strada. Una tagliola sulla testa degli automobilisti. «È ora di finirla, la gente non ne può più delle multe che servono ai Comuni per far cassa. Serve un grande patto, un protocollo che ponga delle regole nell'uso degli strumenti di rilevazione della velocità. Aiutiamo la gente perbene che usa l'auto e non può essere tartassata». Angelo Sticchi Damiani, presidente nazionale dell'Aci, lancia una crociata contro l'abuso dei mezzi di controllo elettronico sulle strade, che sembrano avere lo scopo di incrementare gli incassi, poi nemmeno impiegati, come previsto dalla legge, per la sicurezza stradale.

Presidente Sticchi Damiani, da dove trae origine la campagna in grande stile che avete lanciato?
«Dagli ultimi dati ufficiali, riguardanti il 2015, degli introiti da multe. Siamo arrivati a 1,7 miliardi di euro, con un incremento del 45,6 per cento sull'anno precedente. È una montagna di soldi».

Sembrerebbe che gli italiani al volante siano molto indisciplinati, a cominciare dalla velocità.
«Premesso che i limiti vanno rispettati, non credo che il masochismo sia tale da indurli a superare i limiti quando si sa che c'è l'autovelox. È anche vero che ci sono molti maleducati che parcheggiano in divieto di sosta, in doppia fila, sulle strisce pedonali, ma nelle nostre città, salvo qualche eccezione, i parcheggi non ci sono. E cosa deve fare un conducente che non può permettersi il taxi per andare in centro città, dopo aver girato per mezz'ora senza trovare un parcheggio? Qui c'è qualcosa che non funziona e bisogna cominciare ad affrontarlo».

Iniziamo dall'autovelox.
«Se c'è un Comune che incassa 6 milioni all'anno da un autovelox significa che la posizione è sbagliata e nessuno lo vede. L'obiettivo dovrebbe essere quello di ridurre la velocità, con postazioni fisse, dove c'è una necessità effettiva di rallentamento: un incrocio, una confluenza, lavori in corso».

Invece?
«Lo mettono in luoghi dove non ci sono esigenze oggettive. O dove non è visibile, magari a tre metri di altezza. Con un doppio danno: non si riduce la velocità del traffico e c'è una valanga di multe per gli automobilisti che in un anno già spendono 144 miliardi di euro».
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 18 Giugno 2017, 05:03






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
L'ultimatum dell'Aci ai Comuni: «Basta autovelox solo per fare cassa»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 50 commenti presenti
2017-06-19 19:31:11
Prendete esempio dagli altri paesi europei tutti più evoluti del vostro. E non state sempre a lamentarvi di tutto. Cominciate a rispettare le leggi e piano piano vi avvicinerete agli standard degli altri paesi della comunità. Un passo alla volta perché non siete abituati...hahahahahahaahahahahaha....ciao, cominciate però....eh....ciao.
2017-06-19 10:00:54
Fermi restando i limiti di velocitá , le strade statali vanno rese piu´scorrevoli di modo che si possa viaggiare a 90 km/h da Mestre a Ravenna , per fare un esempio , senza dover frenare ogni 200 metri . Solo cosi uno stato puo´dire di avere una viabilitá moderna ed efficiente .
2017-06-19 09:43:18
Le cose dette dagli Sticchi sono sempre buone e giuste...
2017-06-19 09:30:18
Ragioniamo. Come sempre succede in Italia c'e' l'utilita' e la esagerazione. Non c'e' dubbio che limitare la velocita' contribuisce alla sicurezza ma quando si mettono autovelox nascosti o in numero esagerato e' chiaro che siu vuole fare cassa. Ora tutti fanno i propri interessi, non c'e' un regolamento nazionale o organo di vigilanza nazionale e quindi in caos e la confusione regnano anche qui come in tanti altri campi di questa italietta delle banane in mano a incapaci dalla mano lesta.
2017-06-19 08:56:23
L'ho sempre detto, gli autovelox servono a far pagare una tangente agli automobilisti.