Mercoledì 11 Ottobre 2017, 08:27

Referendum sull'autonomia, spoglio delle schede in tempo reale

PER APPROFONDIRE: autonomia, referendum, schede, spoglio, veneto
Referendum sull'autonomia, spoglio delle schede in tempo reale

di Vettor Maria Corsetti

Tutto pronto a palazzo Ferro Fini per la comunicazione legata al referendum per l'autonomia del 22 ottobre. Ieri il presidente del Consiglio regionale Roberto Ciambetti e il professor Paolo Feltrin hanno presentato a Venezia l'Osservatorio elettorale http://referendum2017.consiglioveneto.it, attivo in rete dal 20 ottobre e accessibile anche dalla homepage del sito www.consiglioveneto.it. Dalle 12 di domenica alle 19 e a partire dalle 23 fino alla conclusione dello spoglio, informerà gli utenti sull'affluenza parziale e definitiva, nonché sull'esito della consultazione popolare, previsto tra mezzanotte e l'una. I seggi saranno gli stessi di una normale elezione e per votare basterà esibire un valido documento d'identificazione. E grazie a un accordo con le prefetture i seggi saranno presidiati come sempre dalle forze dell'ordine.

Diverse le scuole adibite al referendum e che resteranno chiuse il sabato per la firma delle schede e la predisposizione di urne e cabine.

Unica differenza, oltre alla scheda contrassegnata dal logo della Regione e dal quesito Referendum regionale consultivo sull'autonomia del Veneto - Vuoi che alla Regione del Veneto siano attribuite ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia?, la raccolta dei dati elettorali Comune per Comune. Prima di essere trasmessi a palazzo Ferro Fini, infatti avranno come unico punto di riferimento palazzo Grandi Stazioni a Venezia e non le Prefetture. Oltre ai dati d'affluenza e ai risultati parziali e definitivi divisi per livelli di aggregazione (Comune, Provincia e Regione), il sito del Consiglio regionale proporrà mappe con gli esiti del voto su più territori. E anche elaborazioni,
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Referendum sull'autonomia, spoglio delle schede in tempo reale
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 22 commenti presenti
2017-10-11 19:04:46
Mai nessun leghista ad oggi, ha saputo dire cosa cambia se vince il si o il no o se i votanti saranno meno del 50 per cento. E lo sapete perchè? Perchè sanno che stanno prendendo in giro i veneti. Se qualcuno dissente, riporti cosa cambierà nei prossimi lustri se vince il si e perchè zaia e la tutta la lega non l'hanno voluto fare nei 25 anni precedenti, in modo particolare nei lustri che erano ministri con una maggioranza bulgara in parlamento. Astenersi i noiosi colpa dei comunisti, di renzi, del Papa, del pianeta Marte ecc. ecc. SVEIA!
2017-10-11 21:17:30
Nel 2006 chi respinse l'Italia federale, mia sorella? Se i lombardi e i veneti andranno a votare in maggioranza le cose cambieranno, dovranno cambiare e conviene anche a te e ai tuoi figli che qui vivono e sudano per dar da mangiare ai parenti di laggiù che aspettano ancora la manna dal cielo. La Lega dov'è in maggioranza governa e bene le due più ricche regioni d'Italia, quando è a Roma non riesce a far niente secondo te di chi è la colpa. SVEJATE!
2017-10-13 13:31:29
Cosa cambiera' se si vota SI al referendum? di sicuro, MIGLIORERA' il ns. stile vita. Ciascuno si prendera' la PROPRIA RESPONSABILITA'. Bastera' essere RESIDENTI della regione Veneto per godere di questo DIRITTO. Esempio: gli oltre 20 MILIARDI dei Veneti che Roma si tiene OGNI ANNO, dovranno tornare ai residenti nel Veneto, che avranno LORO la gestione...ed i RESIDENTI del Veneto controlleranno come questi fondi andranno spesi. Ci saranno piu' risorse per l'educazione, per la sanita', per l'ambiente....perche' non si e' fatto prima? perche' NON dipende da UN partito ma da un POPOLO; perche' l'autonomia, non la indipendenza, non e' stata organizzata allora negli oltre 72 anni DOPO la seconda guerra mondiale? nel TAA ci sono volute le bombe, nel FVG la guerra, in Sardegna i rapimento, in Sicilia la lupara, in Val d'Aosta martirio e (aggiungo io) la cessione alla Francia di Napoleone III dell'alto Savoia PER poter mettere le mani su Venezia (degli austriaci allora). Nel Veneto l'arma della CIVILTA' (forte, ma PACATA, legata agli oltre 1000 anni di storia che ci hanno insegnato con sacrifici i ns. antenati). L'autonomia richiede tempo --affinche' tutti possano dire la loro --. Dopo tutto basta fare un giro a Venezia ed osservare ora (un tempo era di fronte a Palazzo Ducale) il monumento a Emmanuele II dove l'ITALIA CALPESTA il Leone di San Marco: questo hanno fatto le "autorita' centrali" per ca 200 ANNI, finche' il POPOLO Veneto ha detto BASTA. Fate un giro in TAA o in FVG: se fate un confronto temporale, si vive meglio ora, con l'autonomia. Tutto centralizzato a Roma, non solo NON e' SOSTENIBILE (immaginate cosa un comunita' locale puo' fare a Roma?), ma e' contro ogni realta' presente e futura: la globalizzazzione e automazione richiede nuove dinamiche sociali, economiche ANCHE dai residenti Veneti, che che ne dicano certi imprenditori che si sono arricchiti GRAZIE al Veneto, per poi dimenticarsene o ignorarlo. La realta' romana e papalina (grandi tasse prelevate senza rendere poi conto a nessuno o quasi) NON si adatta al Veneto. BASTA. Il Veneto ha gia' pagato il suo sacrificio anche con oltre 3 MILIONE di Veneti EMIGRATI (sono ca 5 MILIONI oggi) con PERMESSI regolari ovunque nel mondo. Come il TAA, ed il FVG, VENETO AUTONOMO.
2017-10-11 12:56:19
L'affluenza sarà talmente bassa che lo spoglio inizierà alle 23.00 e finirà alle 23.05.Gazzettino tenete aperti i commenti domenica sera ,che voglio divertirmi un po' dopo cena.
2017-10-11 14:07:25
e3°, aspetta e spera che.....