Olimpiadi delle Dolomiti, Zaia: «Noi se diciamo una cosa, la facciamo»

Olimpiadi delle Dolomiti, Zaia: «Noi se diciamo una cosa, la facciamo»
VENEZIA - Le Olimpiadi delle Dolomiti contro quelle in Piemonte, la candidatura veneto-bolzanina contro quella di Torino? Luca Zaia fa il diplomatico. «Non vogliamo andare contro a nessuno e a nessuna candidatura - afferma il governatore del Veneto. Litigare sullo sport non è certo educativo». Ma la candidatura delle Dolomiti è oggettivamente in corsa contro quella di Torino per ospitare le Olimpiadi invernali 2026. Tanto più dopo che Beppe Grillo, che aveva affossato la candidatura di Roma ai Giochi 2024, è invece sceso in campo per sostenere la sindaca M5s Chiara Appendino, che aveva avanzato la candidatura della sua Torino.

Zaia è convinto della forza della candidatura delle Dolomiti:
«Pensiamo che saremo in grado di presentare qualcosa di unico e alternativo: noi portiamo le Olimpiadi delle Dolomiti, un scenario e un contesto unico di un patrimonio dell'Unesco, e va detto che fino ad oggi non si sono mai tenute olimpiadi in un contesto di Patrimonio dell'Umanità».

Le Olimpiadi delle Dolomiti, nell'idea di Zaia, sarebbero «a impatto zero». Il presidente Zaia, ricordando che la prossima settimana ne discuterà nuovamente con i presidenti della Provincia di Trento e di Bolzano, ha ribadito i «capisaldi» di questa candidatura: «l'idea di una location patrimonio dell'umanità, la sostenibilità e il low cost con un grande valore di investimenti che non è infrastrutturale ma di messa in rete». «Esiste già una 'metropolitana della nevè che si chiama SuperSki, esistono palazzetti del ghiaccio, esistono 500 chilometri di piste che rendono Asiago il più grande comprensorio per lo sci da fondo d'Europa - ha poi continuato - .Mettendo assieme Trento, Bolzano e il Veneto puntiamo ad una olimpiade diffusa e la smettiamo finalmente con la suggestione che le olimpiadi si devono fare in centro città». «Sarebbe una incredibile opportunità anche per sdoganare e rilanciare le Dolomiti - ha infine aggiunto - e non va dimenticato che abbiamo anche una bella palestra nei mondiali di Cortina del 2021 e che quindi potremmo arrivare al 2026 con un abbrivio organizzativo non indifferente».

Ma proprio sulla sostenibilità di Olimpiadi in un'area Patrimonio Unesco, dalla Provincia di Bolzano arrivano segnali negativi: «Allo stato attuale sono impossibili Giochi ad impatto zero», ha commentato il presidente della Provincia di Bolzano Arno Kompatscher. Kompatscher ha rivolto un appello al Comitato olimpico internazionale «di rivedere i criteri per i Giochi olimpici, altrimenti non si troveranno più località in Europa disposte ad ospitarli».

Ma Zaia non demorde, anche di fronte al passo indietro ventilato da Bolzano:
«Se diciamo che facciamo una cosa la facciamo». «Noi lavoriamo ancora per essere tutti e tre della partita - ha aggiunto Zaia - e portare a casa queste Olimpiadi. Vogliamo affrontare la cosa con gli altri due vicini di casa»Poi parlando delle molteplici manifestazioni di consenso arrivate nelle ultime ore da partiti e associazioni di categoria ha infine concluso che «il referendum per l'Autonomia l'ha dimostrato a tutti: sembrava una banalità, una sciocchezza ma ancora una volta abbiamo dimostrato che noi quando diciamo che facciamo una cosa, la facciamo sul serio».

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 13 Marzo 2018, 15:55






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Olimpiadi delle Dolomiti, Zaia: «Noi se diciamo una cosa, la facciamo»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2018-04-17 15:32:43
forza Zaia siamo con te
2018-03-14 16:27:43
Zaia ha detto: "noi quando diciamo che facciamo una cosa, la facciamo sul serio". Chissa' se il G.r.V. quando ha pronunaciato queste parole si ricorda dello stato attuale dei lavori per la tangenziale di Agordo. Un'opera di un solo Km, senza gallerie, prevalentemente rettilinea, in attivita' da ben piu' di 6 anni, e per la quale dopo i primi estenuanti rimandi, si assicurava sarebbe stata ultimata gia' nel 2016. Quello che abbiamo assistito in questi anni e' un susseguirsi di cambiamenti di percorso sulla rotatoria sud. Davvero un po' pochino, al punto che gli automobilisti transitando in loco rievocano le gesta di Penelope.
2018-03-14 12:52:51
come ilmose , come la pedemontana o l'ospedale di mestre ????? ma vai !!!!!!!!!!!!!!!!!
2018-03-14 08:38:43
Ehhhhhh!!!!!! Cambia pomata governatore..Sappada, trasporti,sanita.gridano vendetta!! Ahhhhh giusto, lanci il sasso, tanto x quando sarà ora avrai già cambiato attività!!!
2018-03-13 19:03:20
Questo è il problema, dite-fate-non pensate e i veneti pagano.