La conclusione del Mose slitta,
«Servono 221 milioni per 60 opere»

PER APPROFONDIRE: acqua alta, cantieri, mose
La conclusione del Mose slitta  «Servono 221 milioni per 60 opere»

di Roberta Brunetti

VENEZIA -  I cantieri del Mose sono in stallo. E anche la scadenza di fine 2018, annunciata solo un anno fa come data di fine lavori e inizio del triennio di avviamento e collaudo, rischia di non essere più rispettata. Ieri il provveditore alle opere pubbliche del Triveneto, Roberto Linetti, lo è detto chiaramente: «Arrivare a questo fine 2018 con i lavori terminati non sarà facile». Un'altra doccia fredda sul futuro della grande opera, tra problemi di liquidità, imprese in crisi, contenziosi legati allo scandalo. Ieri Linetti ne ha parlato davanti alla commissione consiliare a Venezia, mentre anche a Roma ci si occupava di Mose, in un vertice tra il ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, il presidente dell'Autorità nazionale anti-corruzione, Raffaele Cantone, e il prefetto di Roma, Paola Basilone, come referenti dei commissari che guidano il Consorzio Venezia Nuova post-tangenti. L'ipotesi di una chiusura del commissariamento, girata nei mesi scorsi, pare essere tramontata, vista anche la scadenza ormai prossima del Governo. E il vertice romano si sarebbe occupato dei rapporti tra Provveditorato e Consorzio e dell'annosa questione cassa.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 10 Gennaio 2018, 14:51






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La conclusione del Mose slitta,
«Servono 221 milioni per 60 opere»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2018-01-11 20:16:40
Intanto il Mazzy a La Jolla se la ride, assieme ai politici che gli suggerirono di evaporare! HAHAHAHA!...
2018-01-11 12:44:45
Ma dai!!!! Da non credere!!
2018-01-11 09:01:23
Una cosa pero' la farei: un monumento a eterno disonore di quanti hanno contribuito alla realizzazione di questo mostro.
2018-01-11 08:57:14
Che tragedia... Stiamo arrivando al dunque. Ormai l'esito e' chiaro. Sarebbe il caso di cominciare a porsi il problema di come smaltire o convertire questa gigantesca infrastruttura. Sforzandosi di dimenticare quanti denari sono stati spesi. E comunque secondo le previsioni degli ambientalisti negli anni 80 ora dovevamo già essere sotto un metro d'acqua... Il medio mare è aumentato di 20 cm in 130 anni...
2018-01-11 01:46:33
E' un fondo senza fine e mai funzionerà. Meglio chiudere tutto.