Sabato 15 Dicembre 2018, 09:22

Antonio non ce l'ha fatta. L'urlo della mamma: «La cattiveria in persona me l'ha portato via»

Antonio non ce l'ha fatta. L'urlo della mamma: «La cattiveria ​in persona me l'ha portato via»

di Italo Carmignani

STRASBURGO - L'ultimo respiro è il bip di una macchina, poi più nulla. La voce di Michele Megalizzi non arriverà più dai microfoni di Europhonica. La sua mamma Anna Maria e il papà Domenico non vedranno più il suo sorriso. E Luana, la sua fidanzata, ha perso un amore per sempre. Ventotto anni, cronista radiofonico, Michele è la quarta vittima della strage di Strasburgo, quella messa a segno a sangue freddo da Cherif Chekatt, il killer di origini magrebine, un anno più di Antonio,...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Antonio non ce l'ha fatta. L'urlo della mamma: «La cattiveria in persona me l'ha portato via»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2018-12-16 08:45:44
La cattiveria mussulmana.... lo nascondiamo sempre questo fatto.
2018-12-15 21:22:28
questo ragazzo credeva nel multiculturalismo e nell'integrazione islamica...quindi odiava salvini che sta facendo di tutto per tutelarci...chi è causa del suo mal pianga se stesso..
2018-12-15 17:10:06
Condoglianze vere e sentite. Ringraziare la mutti Merkel e tutti i fiancheggiatori Euroburinocratici ...
2018-12-15 12:44:42
... espressione politicamente corretta che non eviterà altre morti.. è la paura che ci attanaglia, l'ignavia che ci assilla, il non fare presepi, il rinunciare ad essere se stessi per rispetto ad una religione di pace che rischia di essere per tanti eterna la vera cattiveria..
2018-12-15 12:42:02
se la mamma è catechista ha un bell'esame di coscienza da fare su quello che ha insegnato finora contro i musulmani. e non mi venga a dire che non sono tutti uguali perchè vuol dire che non ha capito niente di quella religione e che ha le fette di salami sugli occhi se non lo vuole capire. consiglio di cominciare a costruire nuove aule al parlamento europeo perchè ho l'impressione che questi morti non sono gli ultimi e quindi servono aule da dedicare ai prossimi.