Domenica 10 Febbraio 2019, 09:40

Manuel, i due volevano uccidere il pugile amico dei boss Casalesi

Manuel Bortuzzo

di Camilla Mozzetti e Mirko Polisano

Otto giorni fa Manuel Bortuzzo si preparava a trascorrere il sabato sera con gli amici ora dal reparto di Terapia intensiva del San Camillo dov'è ricoverato si domanda: «Come hanno potuto due uomini con i figli piccoli sparare contro di me?». Lenta eppure puntale si fa largo la presa di coscienza per quanto accaduto. La giovane promessa del nuoto è forte, lo ha dimostrato fin dall'inizio. Fin da quando ha riaperto gli occhi e compreso di non poter muovere le gambe: «Tornerò presto» ha ripetuto soltanto giovedì in un audio messaggio.

L'ESPERTO ​Nuotatore paralizzato. La scienza progredisce Manuel può sperare
LA PROMESSA La fidanzata di Manuel: «Gli ho fatto una promessa: sempre al suo fianco»

L'AUDIO MESSAGGIO
 
 

Ma con chi lo va a trovare, tra le chiacchiere e i sogni per il futuro che questa tragedia non è riuscita a scalfire si insinuano anche quelle domande lecite che tuttavia rischiano di restare senza soddisfacenti risposte. Intanto le indagini della Squadra Mobile puntano a capire chi fosse il vero obiettivo della folle vendetta messa in atto da Lorenzo Marinelli e dal complice Daniel Bazzano (CHI SONO) dopo la rissa di una settimana fa al pub dell'Axa. Per chi è stata scambiata la diciannovenne promessa del nuoto italiano centrata «per sbaglio» da un proiettile calibro 38?

L'AGGUATO - ATTENZIONE IMMAGINI FORTI


La polizia avrebbe già un sospetto su cui è concentrata l'attenzione, un tipo definito dai frequentatori dell'O'Connell come «un attaccabrighe» e che già in passato avrebbe dato il là a «violente scazzottate». Un ragazzo tra i 25 i 30 anni, appassionato di boxe, arti marziali e tatuaggi, che sarebbe stato nel locale in compagnia di tirapiedi e guardaspalle di esponenti di spicco dei Casalesi che spadroneggiano ad Acilia, borgata vicina alla residenziale
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Manuel, i due volevano uccidere il pugile amico dei boss Casalesi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2019-02-11 06:48:22
galera a vita,,,non importa con chi ce l'avevano
2019-02-10 16:45:24
Certe informazioni meglio non darle.Per via di rappresaglie trasversali..con vittime i perenti dei due..
2019-02-10 20:55:28
E che male ci sarebbe? Tanto sono uno peggio dell’altro....
2019-02-11 10:18:05
ah dici che i soggetti non fossero noti nell'ambiente? dici che si sono costituiti per pentimento e non per sfuggire alle rappresaglie dei del reale bersaglio il quale, oltre al personale oltraggio "deve vendicare" un innocente?...
2019-02-10 12:30:54
Alla fine sembra di capire che i balordi sono meno peggio del reale obiettivo mancato. Ma la mafia ha la memoria lunga, il carcere aiuta a guadagnare tempo