Lunedì 11 Febbraio 2019, 08:28

Manuel: «Quando ho capito tutto mi ha dato forza pensare a Bebe Vio»

Manuel: «Quando ho capito tutto  mi ha dato forza pensare a Bebe Vio»

di Alessia Marani

Di quella notte all’Axa «ricordo tutto, il proiettile che mi colpisce, il dolore, io che cado a terra. Quando ho capito quello che mi era successo e ciò che mi aspetterà, ho immaginato il mio futuro “diverso” e ho pensato subito a lei: a Bebe Vio, è lei la mia eroina». Manuel Bortuzzo stringe il telefonino che i genitori gli hanno riconsegnato e quando parla della campionessa paralimpica, la sua voce tradisce la commozione. Trema, per un attimo piange. Nella stanza della Terapia Intensiva dell’ospedale romano San Camillo, papà Franco e Paolo Barelli, presidente della Federnuoto, non lo lasciano per un attimo. Ieri mattina, i medici gli hanno suturato il drenaggio ai polmoni, la mamma gli ha fatto compagnia poi lo ha lasciato da solo per riposare. Manuel è indebolito per il carico di farmaci, ma lotta come un leone, su Instagram ha salutato gli amici: «Siete fantastici, siete ciò che mi faceva andare a dormire tranquillo la sera e ciò che mi faceva risvegliare con il sorriso». È sopravvissuto al folle agguato, ma non muove più le gambe.

L'ESPERTO ​Nuotatore paralizzato. La scienza progredisce Manuel può sperare
LA PROMESSA La fidanzata di Manuel: «Gli ho fatto una promessa: sempre al suo fianco»

 
 
 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Manuel: «Quando ho capito tutto mi ha dato forza pensare a Bebe Vio»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2019-02-12 05:53:49
Forza campione! Auguri di pronta guarigione!
2019-02-11 17:03:23
In ogni caso, è chiaro che la giornalista Federica Angeli della ''Repubblica''ha giocato sull’equivoco pur di ottenere l’intervista, altrimenti non si spiegherebbe la reazione della famiglia, finora sempre disponibile a dialogare con i media al punto da far ascoltare la voce del figlio registrata in un messaggio che ha fatto il giro del web. «Grazie a tutti per l’interesse dimostrato in questi giorni. Le condizioni di Manuel sono in continuo miglioramento anche se la prognosi resta ancora riservata. Manuel è felicissimo e sorpreso dell’affetto che lo circonda» scrivono ancora i genitori di Manuel Bortuzzo, sempre con quell’hashtag che tutti condividiamo: “TutticonManuel”.
2019-02-11 16:25:48
Grazie a tutti per l'interesse descritto in questi giorni. Le condizioni di Manuel sono in continuo miglioramento anche se la prognosi resta ancora riservata. Manuel è felicissimo e sorpreso dell'affetto che lo circonda e che è stato manifestato con correttezza e rispetto. Purtroppo, in un momento di nostra assenza, è stato trovato in una signora (accompagnata fino al suo ingresso da un uomo della scorta), con cui si è intrattenuto un pensiero pensando che è una scrittrice in visita e non che è stato pubblicato su un articolo sulla sua vicenda, né tanto meno il selfie poi scattato. Federica Angeli del quotidiano "la Repubblica" qualificatasi come amica di Manuel. Io, Rossella Corona Bortuzzo, sono entrata successivamente in stanza, quasi al termine della chiacchierata. Ho chiesto alla signora chi è e si è qualificata dell'antimafia. Manuel non è uno scoop, non è un trofeo da esibire, né un selfie da entrate sulle pagine di un giornale. È un giovane che sta lottando con tutte le forze per riprendersi la sua vita. Chiediamo il dovuto rispetto, entriamo sotto tutti gli altri giornalisti cui abbiamo fatto riferimento alle condizioni di Manuel portando i suoi saluti e le dichiarazioni rilasciati con trasparenza con finalità di pubblicazione. Firmato da Franco Bortuzzo Fkb e Rossella Corona Bortuzzo Certi giornalisti sono disposti a tutto pur di fare uno scoop...impressionante e di cattivo gusto il selfie pubblicato senza autorizzazione dalla Angeli della ''Repubblica''.
2019-02-11 17:24:03
Purtroppo gli avvoltoi non hanno pudore...Un abbraccio!
2019-02-11 19:18:56
appunto per questo è ora di smetterla di nominarlo ogni giorno.