La ricchezza del Veneto fa gola ai mafiosi: ecco come "investono" a Nordest

PER APPROFONDIRE: dia, mafia, veneto
La ricchezza del Veneto fa gola ai  mafiosi: come investono a Nordest
VENEZIA - La ricchezza diffusa nel Veneto è una potenziale attrattiva per la criminalità mafiosa, principalmente interessata a riciclare e reinvestire capitali illeciti. Lo rileva la relazione del I sem. 2018 della Direzione Investigativa Antimafia secondo la quale «la presenza delle mafie nel Triveneto non appare così consolidata e strutturata come nel nord ovest, ma diversi elementi fanno ritenere che siano in atto attività criminali più intense di quanto finora emerso perché l'area è considerata molto attrattiva».

IL CASO 'Ndrangheta in Veneto, l'imprenditore vessato ora vive in una roulotte

Non sono un caso i 7 'ndranghetisti arrestati ieri dal Ros. In Veneto è costante il "pendolarismo criminale" con rapine a banche e oreficerie, grazie a basisti anche collegati alle organizzazioni mafiose del sud Italia. Venezia attira "cosa nostra" nel riciclaggio di capitali nel settore immobiliare. Non va scordato poi che la «mala del Brenta» è stata attiva per lungo tempo grazie anche ai buoni rapporti di Felice Maniero con con esponenti di primo piano di altre organizzazioni mafiose. La 'ndrangheta, specie calabrese, traffica in droga e il lo investe nella ristorazione, la ricezione alberghiera e l' autotrasporto. Significativi, nel gennaio 2018, i 16 arresti della Dia che ha fatto emergere il collegamento degli indagati con le famiglie Giglio di Strongoli (Crotone) e Giardino di Isola Capo Rizzuto (Crotone) che, con i proventi derivanti dalle false fatturazioni, acquistavano droga.

Un capannone a Vigonza (Padova) era usato come magazzino per l'attività edile e luogo di custodia della droga, armi e munizioni. Il riciclaggio di denaro era agevolato da dipendenti di una banca, ricompensati con cospicue somme di denaro. Nel marzo 2018 la Guardia di finanza ha arrestato 16 arresti persone legate alle cosche di Africo (Reggio Calabria), per traffico internazionale di cocaina, riciclaggio ed autoriciclaggio.

Tra i coinvolti, un elemento di spicco della 'ndrina Morabito di Africo ed un esponente della cosca Vadalà di Bova Marina (Reggio Calabria), coinvolto anche nell'omicidio del reporter Jan Kuciak e della sua compagna, nel febbraio 2018, a Bratislava, dove la cosca aveva trasferito i propri interessi economici. Sono, invece, di aprile i 17 arresti e il sequestro di beni per 12 mln all'organizzazione gestita da un imprenditore di Melissa (Catanzaro) che nel veronese si occupava di autotrasporto, mantenendo legami con pregiudicati calabresi. Presente in Veneto anche 'cosa nostrà stando all'emissioni della Prefettura di Verona di alcune interdittive antimafia. Il Veneto anche come regione 'rifugiò di latitanti: tra i gruppi più attivi, ci sono i Casalesi specializzata nella regione estorsione, usura e sequestro di persona.

La Dia poi, il 25 gennaio 2018, ha trovato in Messico un latitante dal 2007 che con la famiglia gestiva da anni un'attività di ristorazione. Era accusato di estorsione ed usura, tra il 2005 e il 2009, ai danni di commercianti bresciani e veronesi dell'abbigliamento, per conto del clan Licciardi dell' «Alleanza di Secondigliano». Per ora non si ci sono sodalizi di origine extra Ue ed organizzazioni mafiose italiane. I più attivi sono i nigeriani, nordafricani, dell'est Europa, cinesi e sudamericani. I nigeriani, in particolare, sono i più aggressivi e attivi nella prostituzione, traffico di eroina, cocaina e droghe sintetiche. Quella cinese è invece 'mafià economica fatta col commercio di merce contraffatta, frodi ed evasioni fiscali come emerge dall' arresto, nel marzo 2018, dell'imprenditore cinese, indagato, insieme ad altri 41, per fatture false per 3,500 mln. Sempre cinesi è il fenomeno dello sfruttamento della manodopera, specie in agricoltura. Altro capitolo il settore dei rifiuti, negli ultimi tempi caratterizzato da alcuni incendi che hanno danneggiato le strutture di stoccaggio e smaltimento. Un settore su cui deve rimanere alta l'attenzione, in quanto fortemente esposto alle mire imprenditoriali della criminalità organizzata. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 13 Febbraio 2019, 17:18






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La ricchezza del Veneto fa gola ai mafiosi: ecco come "investono" a Nordest
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2019-02-14 08:56:25
Del Governo in carica, Lega-M5S, mi sono piaciute due iniziative che considero molto positive: l’aumento del numero delle unità delle Forze dell’Ordine e il potenziamento dellOrganico, Personale amministrativo e Giudici nella Magistratura. Mi sono chiesto molte volte il perché i Governi precedenti, in particolare a guida Pd, non abbiano avuto una maggiore attenzione verso il tema dell’Ordine pubblico e della Sicurezza di questo Paese.
2019-02-15 18:58:53
Perchè in certi casi non sono autolesionisti.
2019-02-13 23:53:30
Grazie a tutti coloro che negli anni '80 accusavano la Lega di razzismo, perché chiedeva che i cosiddetti soggiornanti, ovvero mafiosi, camorristi, 'ndranghetisti, che avevano scontato pene troppo brevi o che non si era riusciti a condannare, fossero rispediti ai loro paesi. Adesso gli stessi dicono: la mafia c'è anche al Nord. Infatti, ce l'hanno portata loro.
2019-02-13 23:04:52
che scoperta, alla mala organizzata fa gola qualsiasi tipo di ricchezza, basta che sia remunerativa e che in cambio non pretendi chissà cosa
2019-02-13 22:52:39
Anche ai calabresi fa gola il cromo +6 e i Pfas. Questa e' vera integrazione. Anzi solidarieta'.