Miss Italia, la rabbia di Samira: «In tv mi hanno chiamata senegalese»

PER APPROFONDIRE: bellezza, miss italia, samira lui
Samira (al centro) a sinistra la vincitrice Alice, a destra la 2. classificata Laura

di Giuseppe Babbo

JESOLO - Da una parte l'appello al voto lanciato dalla mamma di Miss Italia 2017 Alice Rachele Arlanch anche in tedesco (per i consensi da Trentino AA e Sud Tirolo. Dall'altra, invece, c'è la convinzione della friulana Samira Lui, terza classificata, di aver perso voti quando Francesco Facchinetti ha erroneamente detto che proviene dal Senegal, paese di origine del padre.
 
 

Per questo la stessa Samira ha ripreso il conduttore, ribadendo in modo deciso di essere italiana, sfiorando però il sogno di diventare Miss Italia come fu per Denny Mendez nel 1996, unica reginetta  di colore. «Mia mamma è italiana, io sono nata in Italia e mi sento italianissima al 100% - ha ribadito la 19enne che ha poi vinto lo storico titolo di Miss Italia Chef - quella frase di Facchinetti ha influito nel giudizio del pubblico a casa, soprattutto per il momento storico che stiamo vivendo. Inevitabilmente provo rabbia e delusione: ero convinta di poter rappresentare la mia regione e l'Italia». Ed effettivamente il voto da casa ha influito nella vittoria finale: Alice Rachele Arlanch, che viene da una frazione di 14 abitanti del Comune di Vallarsa, nelle montagne del Trentino, ha rischiato di veder sfumare il titolo perché 3 dei cinque giurati avevano preferito la feltrina Laura Coden (60% a 40%). A farle vincere la corona di più bella d'Italia ci ha pensato il televoto, cioè la gente da casa, che l'ha preferita con il 60,89% dei voti contro il 39,11% della rivale, la bellunese di Feltre Laura Coden che ha riferito di non aver nulla da rimpiangere: «Sono stata me stessa, sempre».

Stessa convinzione anche per Samira, nonostante nei giorni scorsi nei social fossero apparse alcune offese per il colore della sua pelle: «Sono frasi che ho vissuto in modo apatico - commenta - perché mi ritengo una friulana doc e ho sempre vissuto in Friuli, la mia terra: le critiche mi sono scivolate via, non mi hanno toccato. Voglio conservare quanto di buono ho vissuto in questa esperienza, che accade una sola volta nella vita». E positivi sono stati anche i riscontri ottenuti dal programma: la serata condotta da Francesco Facchinetti, che ieri ha lasciato subito Jesolo per volare prima a Londra e poi a Los Angeles, ha raccolto il 7,72% di share (tra La7 e La7D) con 1.102.439 telespettatori (+10% rispetto al 2016), diventando il terzo programma della serata e registrando un picco del 18,62% di share in occasione dell'incoronazione di Alice Rachele Arlanch. Buoni anche i riscontri nel web e nei social dove Miss Italia si è posizionata al primo posto, bissando il record già registrato lo stesso anno. 

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 11 Settembre 2017, 05:02






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Miss Italia, la rabbia di Samira: «In tv mi hanno chiamata senegalese»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 39 commenti presenti
2017-09-13 16:35:42
Sinceramente ha vinto l altra ragazza perché e' più bella. Punto! E poi.... "Mia mamma è' italiana" ma tuo papà e' senegalese.... Che ti vergogni? È la prima a fare indiscrimazioni.... Se fossi suo papà mi vergognerei di lei
2017-09-13 12:22:11
veramente è trentina e non friulana!
2017-09-12 21:52:11
Sbaglia chi ti ha fatto partecipare a questo concorso paesano, comunque riservato alle Italiane (bianche)
2017-09-12 15:25:24
Una trasmissione noiosa, condotta da un sedicente presentatore, al limite della volgarità mediatica. Sulla delusione della terza classificata non commento.... A volte ritengo che si dovrebbe saper perdere con dignità ... A meno che non renda oggettivo il suo disappunto e come si dice porti le carte in tribunale...ma non mi sembra questo il caso, uno scivolone del presentatore (visto anche il livello) ci sta. Deve ancora crescere e maturare.
2017-09-12 14:53:38
Portatrice e sostenitrice dei pegggiori pregiudizi verso le persone di colore scuro (siamo tutti colorati ...). Sacche lacrimali ipertrofiche poste nella parte esterno/iniziale della cosce (pianto in tasca si dice). Qualsiasi cosa gli succeda partono col refrain di una nota casa di saponi degli anni '60 : "c'e' l'hanno tutti con me perche' son nero ...". Ma soprattutto se possono si appellano al "Siamo tutti uguali , ma alcuni sono piu' uguali degli altri .... "