Lunedì 7 Agosto 2017, 10:58

«Maniero non era uno stupido e così decise di collaborare»

francesco saverio pavone

di Edoardo Pittalis

L'intervista a Francesco Saverio Pavone
Il giorno della strage di Capaci dovevo incontrare Giovanni Falcone a Roma nel suo ufficio di direttore degli Affari Penali. Doveva sollecitare l'Argentina perché mandasse le carte della rogatoria per Felice Maniero. Era un collega disponibile, sorridente, a vederlo col sorriso sembrava l'uomo meno preoccupato di questo mondo. La sera prima la segreteria ha telefonato spostando l'appuntamento al mercoledì successivo. Nessuno doveva sapere dove andava e che strada faceva Falcone. Invece.

Sulla mafia aveva ragione Falcone?
Lui era ottimista, aveva la speranza, diceva che la mafia è un fenomeno umano e per questo è destinata ad avere un inizio e una fine. Ma questa sembra qualcosa di disumano: sembra un'Idra alla quale tagli la testa e subito ricresce. Senza una vera attività di prevenzione non sarà mai debellata.

C'è mafia nel Veneto?
Qui c'è un terziario molto sviluppato ed è facile riciclare denaro proveniente dai crimini. La mafia che ricicla si avvale anche di insospettabili, di gente che raramente risulta avere avuto rapporti anche solo di conoscenza con personaggi di mafia. Gli accertamenti devono essere fatti sulle ricchezze improvvise, non si sorge dal nulla.
Francesco Saverio Pavone, 73 anni, pugliese, magistrato in pensione, ultimo incarico come Procuratore capo della Repubblica di Belluno, la mafia l'ha combattuta per decenni. Nel Veneto ha il record di anni vissuti con la scorta. Ha incastrato e poi raccolto le deposizioni del collaboratore Felice Maniero.

È arrivato a Venezia come cancelliere?
Nel 1967 e, per l'esattezza, a Mestre che non sapevo quasi che esistesse; magistrato lo sono diventato nel 1978. Da cancelliere ero addetto alla Corte d'Assise di Venezia e tra i grossi processi seguiti c'è stato quello di Marzollo, l
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Maniero non era uno stupido e così decise di collaborare»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-08-07 21:49:40
Maniero era solo un infame. Cosa si può dire di un capo banda che denuncia e tradisce i suoi seguaci per potersi salvare lui solo?. Un infame, ecco quello che è. Mi auguro che qualcuno gliela possa far pagare cara.
2017-08-07 20:16:12
in Italia in ogni caso conviene delinquere. Basta confessare (anche esagerando) e vieni subito tutelato!
2017-08-07 12:48:01
siamo alle solite. maniero li ha messi tutti nel sacco. ha confessato quello che ha voluto e si è messo da parte i miliardi che non ha guadagnato di certo facendo i turni in fabbrica. e poi ha pure avuto il coraggio di denunciare i parenti che gli hanno fregato una parte di quei soldi.