Febbre del Nilo in Veneto: 84 i contagiati "ufficiali": 25 gravi e 3 morti In una settimana i casi sono aumentati del 64%

Febbre del Nilo in Veneto. 84 contagiati: 25 gravi e 3 morti  L'epidemia dilaga: +64% in 7 giorni
VENEZIA - In Veneto sono 84 i casi ufficialmente registrati di contagio umano dal virus della febbre del Nilo (West Nile). Di questi 84 casi, 59 sono lievi, e hanno come effetto febbri più o meno alte e durature, e  dei quali 59 'lievì" (con febbri) e 25 sono casi più gravi con sviluppo di encefalite. I morti, finora, sono 3.

Questo è il punto della situazione fatto oggi, 14 Agosto,  dall'assessore regionale alla Sanità Luca Coletto (i dati sono aggiornati a ieri 13 Agosto), rispetto alla diffusione del virus trasmesso dalla zanzara 'culex'. «I nostri esperti - spiega Coletto - riferiscono trattarsi di una situazione particolarmente intensa rispetto agli anni scorsi, la cui virulenza potrebbe essere stata aiutata dal clima caldo e umido delle ultime settimane. Tutto, peraltro, è monitorato minuto per minuto ed è assolutamente sotto controllo, motivo per cui non è il caso di parlare di un particolare allarme».

La progressione galoppante dell'epidemia è testimoniata dal fatto che secondo i dati diffusi dallo stesso assessore Coletto pochi giorni fa, il 7 Agosto i casi di contagio erano 51, di cui 19 in forma grave, cioè neuroinvasiva.  Quindi il numero di contagiati è aumentato del 64% in appena una settimana.

«Il Piano regionale contro le arbovirosi 2018 - precisa l'assessore - è attivato e attuato in tutte le sue parti. Le Ulss e i sindaci collaborano e si tengono in costante contatto e le iniziative che si rivelano necessarie, come interventi di disinfestazione straordinaria, vengono effettuati. L'attenzione nelle strutture ospedaliere fa sì che nei pronto soccorso ogni diagnosi tenga conto della possibilità che certi sintomi possano essere riconducibili alla West Nile e che le cure possano quindi scattare con immediatezza ed efficienza». Per Coletto «è importante che la gente mantenga un comportamento attento, seguendo anche le più banali istruzioni per difendersi dalle zanzare, come l'uso di repellenti per il corpo e per gli ambienti, indossare abiti leggeri con pantaloni e maniche lunghe, evitare di creare situazioni di stagnazione d'acqua nei giardini e nei vasi di fiori, utilizzare zanzariere alle finestre», conclude.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 14 Agosto 2018, 18:09






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Febbre del Nilo in Veneto: 84 i contagiati "ufficiali": 25 gravi e 3 morti In una settimana i casi sono aumentati del 64%
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2018-08-16 13:07:21
... per fermare ( un po ) la bomba demografica può più la culex cleo ( zanzara d'egitto in realtà forse la causa è da cercarsi altrove ) che l'onu.. col ddt ha avuto inizio il genocidio con le diossine terminerà..
2018-08-19 09:54:05
bomba demografica ?? ... ma se per Boeri & Co. mancano persone in italia ...
2018-08-16 10:43:51
Bisogna ritornare al buon vecchio DDT ma sicuramente ci sarà chi preferisce la malaria
2018-08-16 10:11:45
Perché non utilizzare la lotta biologica con aerei-elicotteri come in svizzera e germania e il BTI bacillus thuringiensis var. israelensis.? Siamo sempre gli ultimi? Il BTI é specifico per le larve delle zanzare e non é dannoso per altri insetti, animali, uomo.
2018-08-16 11:39:48
perchè agisce solo per ingestione ed è pochissimo persistente, quindi l'efficacia è limitata ed i costi di impiego sono elevati.