Bustarella al primario per saltare la lista d'attesa, Zaia: subito esposto-denuncia

Luca Zaia all'interno di una Ulss veneta
Si scatena il putiferio sulla sanità veneta: a gettare ombre sull'annosa questione delle liste di attesa è un servizio di Francesca Biagiotti che andrà in onda stasera a mezzanotte (sabato 13 gennaio) su Raiuno, durante la trasmissione "Petrolio" di Duilio Giammaria. In sintesi la giornalista, armata di telecamera nascosta, ha preso appuntamento privatamente con il primario di una struttura ospedaliera veneta per un intervento di chiusura delle tube e si sarebbe sentita chiedere «una bustarella da duemila euro» per poter saltare la lista d'attesa e rientrare tra le pazienti operabili nel corso di gennaio. Si tratterebbe di una clinica convenzionata di Padova.

A riportare la vicenda Gian Antonio Stella in un articolo sul Corriere della Sera. Non è mancata l'immediata reazione del presidente del Veneto Luca Zaia, che ha annunciato un esposto-denuncia sui fatti.

 


«Due notizie  - afferma Zaia - che, per l'autorevolezza della fonte, non dubito corrispondano al vero e che gettano non soltanto pessima luce sull'immagine di un servizio sanitario, come quello veneto, in cui efficienza e rigore ho sempre preteso siano norma e prassi, ma integrano anche un danno patrimoniale.Mi pare che quanto riferito nell'articolo sia più che sufficiente per consentire alla Regione del Veneto, di cui devo tutelare in ogni sede l'interesse, di presentare alla Magistratura inquirente un esposto-denuncia sui fatti, documento che verrà poi integrato con quanto emergerà ulteriormente dalla trasmissione televisiva, il cui contenuto mi auguro venga al più presto consegnato alla competente giurisdizione. È assolutamente inaccettabile che una o due mele marce vanifichino l'ottimo e faticoso impegno quotidiano di decine di migliaia di operatori che lavorano in silenzio con professionalità e competenza - conclude il Presidente - consentendo al sistema sanitario veneto di essere ai primi posti in tutte le classifiche. Per questo, quando qualcuno sbaglia, deve essere identificato e punito».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 13 Gennaio 2018, 14:31






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Bustarella al primario per saltare la lista d'attesa, Zaia: subito esposto-denuncia
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 91 commenti presenti
2018-01-14 09:47:57
Stando al cartaceo il tutto si è svolto all'interno di una struttura privata, e non pubblica. Quindi dovè lo scandalo?
2018-01-14 09:36:48
Soluzione semplice semplice che la Regione Veneto può adottare senza entrare in conflitto con le regole del SSN. Dato che le visite "intramoenia" sono legittime (io sono contrario) e visto che, molto spesso, per potere essere visitato in tempi ragionevoli devi per forza passare da "questa cruna", si lasci pure che i medici pubblici i quali vogliono fare visite private, pagate profumatamente, le facciano, ma con una limitazione. La limitazione consiste nel fatto che tutti gli esami successivi previsti e prescritti a seguito di dette visite, seguano lo stesso regime; ossia, tu paghi la visita privata, bene, ti paghi anche tutto quello che segue. Conseguenza; i "luminari" in tre giorni restano senza più liste di pazienti che vogliono andare da loro e ..... magicamente, le liste di attesa per "i comuni mortali" si accorciano. Difficile? Certo, visto che a dettare legge non sembra sia la politica!
2018-01-14 07:27:57
Succede, ma c'è chi salta la lista d'attesa senza bisogno della bustarella o no. In quanto alle liste d'attesa provare per credere........
2018-01-14 07:15:47
La Rai ci và a nozze contro Zaia e in campagna elettorale. Non gli pare vero di avere uno scoop contro di lui. In realtà hanno a che fare con un politico d'amministrazione che può anche non star simpatico ma che in fatto di corettezza non deve render conto a nessuno. Sono sicura che lui è estraneo e sopratutto ignaro. Rinuncerà di sicuro
2018-01-14 00:37:23
Non credo sia un caso isolato, ma deve essere punito molto severamente. La sanità rimane allo stesso livello in cui era, tranquillo enrico/ecc.ecc., date le ultime traversie avrà bisogno di riposare, potrebbe sotto mentite spoglie, usufruire di spiaggetta rossa a Patti, la posso aiutare anche nel trattare il prezzo.