Boom di richieste del Prosecco, la Regione dà l'ok per 850mila bottiglie

PER APPROFONDIRE: boom, bottiglie, prosecco, regione, richiesta
Boom di richieste del Prosecco, la Regione dà l'ok per 850mila bottiglie
VENEZIA - Il boom del Prosecco fa saltare le previsioni di vendita. Il mercato ne chiede più di quello che è attualmente in circolazione, per questo la Regione ha deciso di autorizzare lo sblocco delle riserve vendemmiali, messe da parte in Veneto sia per la Doc che per le due Docg. Ciò significa che sul mercato arriveranno altre 850.000 bottiglie del rinomato vino del Nordest.
I decreti relativi al Prosecco Doc e al Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg sono stati pubblicati ieri sul Bur, dopo che in precedenza era stato reso noto anche il provvedimento riguardante l'Asolo Prosecco Docg. In tutti e tre i casi, su richiesta dei rispettivi Consorzi di tutela, la Direzione agroalimentare di Palazzo Balbi ha stabilito di rendere disponibile il prodotto della vendemmia 2016 proveniente dai vigneti delle aree vocate e finora accantonato in virtù della legge che disciplina la coltivazione della vite e la produzione e il commercio del vino.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 17 Giugno 2017, 05:03






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Boom di richieste del Prosecco, la Regione dà l'ok per 850mila bottiglie
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2017-06-19 19:43:00
Sai che buono ?.......Mah........coraggio---ciao.
2017-06-17 15:02:49
Dove producono il prosecco? Vogliamo la pura verità. ma la verità vera.....
2017-06-17 13:37:27
la cantina montelliana ha un impianto che fa 60000 bottiglie al giorno. fate un pò di conti.
2017-06-17 13:23:07
Come diceva, gia' ai tempi degli impianti a belussi, la buonanima di mio nonno(agricoltore)la coltivazione intensiva o peggio ancora la monocoltura equivaleva a vendere l'anima al diavolo. Ma tant'e' pochi e subito .... e dopo? ... chi se ne frega, piangeremo con il governo di turno!!
2017-06-17 21:01:13
giusto, e poi vengono a dirmi che la nuova superstrada ruba terreni pregiati all'agricoltura. ormai di pregiato non ci sono più neanche i prati. anzi, se lungo la superstrada piantumano tutte le piante che hanno messo nei rendering di presentazione il verde e la natura avranno solo da guadagnarci.