Popolari venete, ok della Ue al decreto del governo per il salvataggio

PER APPROFONDIRE: banche, decreto, padoan
Popolari venete, ok dell'Ue al decreto del governo per il salvataggio
VENEZIA - Una decisione che «può contribuire a ridurre» l'importo degli aiuti pubblici necessari per il salvataggio delle banche pur nell'ottica del burden-sharing: questo in sintesi il commento con il quale la Commissione Ue ha dato oggi il suo ok alla misura per le banche varata ieri dal Consiglio dei ministri. In una nota Bruxelles aggiunge che sono stati fatti «buoni progressi» per trovare una soluzione «in linea con le regole Ue» alla crisi delle due banche venete. La Commissione ha precisato di «aver preso nota della misura adottata», una misura che «può contribuire a ridurre l'importo dei fondi pubblici necessari e rafforza il burden-sharing nel caso in cui una banca riceva aiuti di Stato».

Ed ha ribadito che nel quadro delle regole Ue sul burden-Sharing i titolari di obbligazioni senior e i depositanti restano totalmente garantiti. Sui dossier della Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca, si legge ancora nella nota, la Commissione, la Bce e le autorità italiane stanno lavorando «in stretto contatto e in maniera costruttiva» con l'obiettivo di «trovare una soluzione per le due banche in linea con le regole Ue». E conclude sottolineando che, in questa prospettiva, sono stati compiuti «buoni progressi».

Secondo il testo del decreto approvato ieri dal Cdm «il periodo concesso per l'intera operazione» di compensazione dei piccoli risparmiatori detentori di obbligazioni subordinate delle banche soggette al burden sharing è stato portato da 60 a 120 giorni «al fine di consentire un'adeguata valutazione da parte degli investitori coinvolti». Le regole Ue sugli aiuti di Stato prevedono che determinate categorie di investitori (detentori di obbligazioni subordinate e azionisti) contribuiscano al salvataggio della banca - il cosiddetto burden-sharing - prima della concessione degli aiuti pubblici. In questo contesto, la Commissione considera che misure destinate a non ridurre il livello degli strumenti di debito subordinato rientrino tra gli interventi che hanno come obiettivo quello di contenere il ricorso a fondi pubblici.


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 17 Giugno 2017, 15:10






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Popolari venete, ok della Ue al decreto del governo per il salvataggio
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-06-19 10:44:02
E ora chi lo dice ai leghisti al centrodestra e ai grillini, da sempre contrari agli aiuti alle banche, quindi ai risparmiatori, e contrari alla permanenza dell'Italia in Europa? Mi sa che il centrosinistra perderà ancora voti se la cosa va in porto.
2017-06-17 22:20:50
Quello che preoccupa non è il titolo dell'articolo, ma ciò che è riportato nel 3^ capoverso: "...che determinate categorie di investitori (detentori di obbligazioni subordinate e azionisti) contribuiscano al ...". Mi auguro che non si giunga a questa drammatica e penosa situazione soprattutto per le decine di migliaia di persone sfortunate che sono state consigliate e convinte a diventare azionisti e obbligazionisti.