Mercoledì 30 Gennaio 2019, 21:41

«Sesso con me e farai carriera in Regione», dirigente nei guai

«Sesso gay con me e farai carriera  in Regione», le accuse al dirigente

di Nicola Munaro

VENEZIA Il sostituto procuratore di Venezia Giorgio Gava ha firmato la richiesta di rinvio a giudizio per Antonio Bonaldo, 62 anni, di Mirano (Venezia), in servizio nel settore Ricerca e innovazione della Regione Veneto.  Il dirigente è accusato di atti sessuali e tentata concussione ai danni di 4 dipendenti regionali a tempo determinato, tutti uomini, ai quali avrebbe chiesto prestazioni sessuali in cambio di prospettive di lavoro o avanzamenti di carriera.  Accuse che gli erano costate anche la sospensione dal lavoro...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Sesso con me e farai carriera in Regione», dirigente nei guai
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 33 commenti presenti
2019-01-31 20:14:23
Poiché la Costituzione italiana afferma il principio secondo cui un imputato è innocente fino a prova contraria, credo sarebbe intelligente evitare di ergersi a censori della moralità pubblica fintanto che questa vicenda venga chiarita nelle sedi opportune. Una considerazione, però, nasce spontanea: in Regione, come negli altri enti pubblici, i dirigenti non hanno la facoltà ed il potere di assumere personale poiché, come tutti sanno, le assunzioni avvengono solo dopo superamento di prove pubbliche. Detto questo, chi può escludere che questa vicenda non sia nient’altro che la vendetta di quattro dipendenti precari contro il dirigente in questione, “colpevole” di non aver favorito la loro impossibile stabilizzazione in Regione, in barba alle leggi e alle regole in materia?
2019-02-01 06:56:33
ma fammi un piacere, lo sappiamo tutti che i concorsi da sempre sono più o meno tutti truccati, e sappiamo a che cosa sono "impiegati" chi li "vince", adesso la morale cambia, quello che facevano le femmine oggi lo devono fare pure i maschi, tutto qui. i più brutti pagano o si raccomanderanno fra paesani, spiegami perché vengono assunti quasi tutti i residenti al sud italia ed isole, che non lo capisco, se il concorso fosse pubblico senza nulla di immorale e nessuna raccomandazione, io ci sono arrivato, tu NO!
2019-02-02 22:32:04
Fabrizioalla, non è vero che quasi tutti i concorsi sono truccati e le tue affermazioni sulla “moralità” dei vincitori, piene di generalizzazioni e luoghi comuni, sono decisamente offensive. Io sono una dipendente pubblica; qualche anno fa ho partecipato a molti concorsi e nessuno mai mi ha chiesto prestazioni “particolari”: per questo rivendico a testa alta la correttezza e l’onestà della mia assunzione, così come può fare la maggioranza dei dipendenti pubblici. Poi, che in alcuni ambiti professionali si possano trovare persone ambigue e disoneste, sarebbe sciocco negarlo, ma ritengo che il fenomeno sia molto più grave e diffuso nel settore privato. Quanto alla vicenda di questo dirigente, sono fermamente convinta che siano da evitare giudizi sommari, costruiti senza sapere come siano andate veramente le cose. Non dimentichiamo che la vita è imprevedibile e ad ognuno di noi, per sua sfortuna, potrebbe capitare di provare sulla propria pelle la cattiveria umana e trovarsi coinvolto, senza colpa alcuna, in situazioni da cui uscire, anche se innocente, con la vita distrutta, come la cronaca frequentemente racconta.
2019-01-31 19:17:35
mistolino, se ci sei batti un colpo.
2019-01-31 16:46:51
Finalmente è stata raggiunta la parità sessuale. a Ora anche per i maschi vale il detto ..." Se vuoi la scrivania devi ecc. ecc."