Corrado, la luce torna troppo tardi
Gli amici pronti a fare causa a Enel

Corrado, la luce torna troppo tardi. Gli amici pronti a fare causa a Enel

di Alberto Comisso

SAN QUIRINO - La luce è stata ripristinata domenica, mentre la salma di Corrado De Pellegrin veniva portata in obitorio. Con una nota Enel, manifestando tristezza e rammarico per il dramma di San Quirino, ha chiarito alcuni aspetti della vicenda: «Proprio domenica - si legge - si era provveduto al pieno ripristino della fornitura del signor De Pellegrin, per la quale era stata adottata la riduzione della potenza erogata. Questo provvedimento consente al cliente di utilizzare gli elettrodomestici di prima necessità; era stato preso a seguito del perdurare della morosità relativa a una fattura di settembre 2016, per la quale era stato concesso il pagamento dilazionato, come richiesto da lui stesso. A fine ottobre era stato avviato il processo di sollecito per il recupero del credito. L'utenza è stata pienamente riattivata l'8 gennaio, dopo la dimostrazione dell'avvenuto pagamento».

Ma gli amici di De Pellegrin non si danno pace. «Domenica è toccato a lui, domani potrebbe toccare a qualcun altro», dice Paolo Meiorin. La morte del cinquantacinquenne è stata causata con ogni probabilità dal monossido di carbonio. Saranno gli esami tossicologici a confermare l'ipotesi avanzata dal medico legale Barbara Polo Grillo, nel frattempo i Carabinieri hanno sequestrato una stufa di ghisa che De Pellegrin aveva rispolverato prima di Natale e sistemato in camera. A contribuire alla morte, poco dopo la mezzanotte tra sabato e domenica, potrebbe essere stato anche il generatore di corrente alimentato a benzina, che un amico gli aveva prestato nell'attesa che nella casa di San Foca, fosse ripristinata la corrente. Quando sono arrivati i Carabinieri, il generatore era spento, in quanto i 10 litri di benzina regalati da un amico, si erano esauriti. Era stato sistemato in una stanza attigua alla cucina. La porta, che comunica con il vano scale, era aperta, per questo si sospetta che le esalazioni di monossido possano aver raggiunto la camera in cui De Pellegrin dormiva con il cane.

Gli amici con molta probabilità presenteranno una denuncia contro l'Enel. «Corrado sostiene Paolo Meiorin non viveva nel lusso ma, grazie all'aiuto di alcuni conoscenti, era sempre riuscito a pagare le bollette. Ci sta che per un errore dei terminali la luce possa momentaneamente essere staccata, ma è inconcepibile che, pagamenti in mano, il servizio non venga ripristinato in poche ore. Non è possibile che per una settimana Corrado sia stato senza luce e acqua: è una vergogna. Stiamo costituendo un gruppo per promuovere un'azione legale nei confronti di Enel». Ci sono altri particolari che stanno emergendo nelle ultime ore. A raccontarli, con la voce rotta dalla commozione, è lo stesso Meiorin. «Quando Corrado è rimasto senza corrente afferma gli amici più stretti lo hanno aiutato a dimostrare che non c'erano bollette da pagare. Anzi nei confronti di Enel vantava un credito. Abbiamo inviato almeno tre fax a un numero che non corrispondeva mai a quello dell'ufficio che si occupa dei riallacci. È stato perso tempo, tra carte che dovevano essere vagliate e promesse mai mantenute, di riattivare il servizio in tempi rapidi. La battaglia di Corrado si è conclusa domenica. Nella solitudine e nell'indifferenza, servizi sociali compresi, di chi avrebbe dovuto tutelare una persona disagiata».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 10 Gennaio 2017, 15:54






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Corrado, la luce torna troppo tardi
Gli amici pronti a fare causa a Enel
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2017-01-10 16:28:40
Enel non cambia mai:sempre pronta a chiedere i soldi puntuali e sempre con aumenti,poi se sbagliano non ammettono e riparano ai danni in ritardo
2017-01-10 17:02:06
Bla bla bla. Io la citerei in guidizio per la morte di questo pover'uomo altro che scuse. E andrei avanti..
2017-01-10 18:13:06
... le bollette non hanno anima. sta a chi sta dietro dar loro un volto umano.. i responsabili della sua morte non sono le bollette ma coloro che vi stanno dietro.. non pagheranno in questa vita, può darsi ma non è detto che sia finita così...
2017-01-10 18:36:41
Certo l'enel avrà le sue colpe ma Visto che gli amici lo hanno aiutato prestandogli un gruppo elettrogeno, ma lo hanno posizionato nella stanza attugua alla sua camera?
2017-01-10 23:51:07
L'enel sono dei criminali, rapidi a staccare la corrente al primo ritardo, ,a una volta pagato la riallacciano dopo decine di chiamate, fax inviati, arrabbiature, e dopo minimo 10 giorni.