Séleco, pronte le prime tivù cinesi: saranno sul mercato da luglio

PER APPROFONDIRE: cinesi, pordenone, seleco, tivu
Séleco, pronte le prime tivù cinesi: saranno sul mercato da luglio
PORDENONE - Pronti i primi televisori con marchio Séleco. Non sono però - ancora - quelli prodotti nello stabilimento di Vallenoncello: le apparecchiature, da 24 a 75 pollici, sono quelle che attualmente la società sta producendo in Cina per essere poi vendute in particolare nella rete della grande distribuzione del mercato italiano. Gli scatoloni e gli imballaggi ci sono: arriveranno - stando a quanto comunicato dalla società - sugli scaffali della grande distribuzione tra la fine di giugno e l'inizio del mese di luglio. Intanto la società Twenty (che nei mesi scorsi aveva completato l'acquisizione del marchio Séleco) si è di fatto trasformata in Séleco spa.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 18 Giugno 2017, 05:02






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Séleco, pronte le prime tivù cinesi: saranno sul mercato da luglio
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-06-19 09:49:59
"sta producendo in Cina" e' un eufemismo per dire che sta rimarchiando. Ad ogni modo, per economica che sia la manifattura cinese scelta, non sara' difficile superare qualitativamente i vecchi prodotti seleco made in italy...
2017-06-19 08:31:22
I cinesi sono abituati a produrre ed evolversi, mentre gli europei e specie gli italiani, ambiscono meglio a fare i passacarte. Complimenti per i cinesi.
2017-06-18 23:53:04
La loro strategia e' questa, e siamo solo agli inizi.
2017-06-18 16:47:29
è più probabile che lo stabilimento italiano diverrà il centro di assistenza del produttore cinese.
2017-06-18 16:22:25
Boh... dov'è la novità?. Io di Tv cinesi-cinesi ne ho avuto ancora ed anche il pc dal quale scrivo è un HP cinese. Inoltre tutto ormai è cinese o fatto in Cina con marchi esteri, dai cellulari, dai telescopi, dagli oculari, dai binocoli, dai casalignhi di ogni genere e molti altri articoli ma devo dire che i cinesi, a differanza dei primi articoli di circa 30 anni fa, si sono molto ma molto migliorati, tanto da raggiungere o quasi i livelli standar della produzione occidentale e nipponica, al costo ovviamente della metà.