Sappada in Friuli, la società filologica
bacchetta il senatore Sonego

Sappada in Friuli, la scoietà filologica  bacchetta il senatore Sonego

di Walter Tomada

MOGGIO UDINESE - «Non voglio nemmeno commentare il fatto che l’unico voto contrario rispetto al ritorno di Sappada nella nostra Regione sia venuto da un senatore eletto in Friuli». Al presidente della Società Filologica friulana Federico Vicario, solitamente molto pacato, non è proprio andata giù la netta e solitaria opposizione del senatore Mdp Lodovico Sonego al rispetto della volontà dei sappadini di ricongiungersi con il Friuli. E ha aperto la sua relazione al 94° Congresso sociale svoltosi ieri a Moggio Udinese rivolgendogli un attacco frontale: «Già pare impossibile che ci vogliano dieci anni per dare seguito alla volontà popolare» ha detto, rimarcando poi la posizione di un senatore «che non chiamerò “friulano”, perché non se lo merita»...

 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 25 Settembre 2017, 12:22






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Sappada in Friuli, la società filologica
bacchetta il senatore Sonego
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-09-25 18:17:26
....bene, dopo aver sputato sul concetto PATRIA dal 1945(anzi 8 settem.1943) tutti si sono arrangiati con varie scuse, l e regioni del nord con la storia delle povere minoranze linguistiche perseguitate dal ventennio mentre quelle del sud con la frenesia di non si sa cosa ,ma solo di mungere piu’ soldi allo Stato e le varie clientele, hanno fatto il baccano a quattro…..e questi sono i bei risultati….!.....gli apprendisti stregoni non sanno piu’ che pesci prendere……!...amen…
2017-09-25 16:13:39
Un partito di ispirazione comunista non puo' accettare che il "popolino" prenda decisioni non "pianificate " dai dirigenti politici . ( Il partito decide,il popolo ubbidisce ; mai il contrario )
2017-09-25 14:12:47
Non è finita qua, questo è soltanto la Sappada, breccia d'inizio. A seguire, a cascata, tutto il bellunese, che vuole passare una parte in Friuli e un'altra parte al Trentino (con buona pace dell regionalistamillenovecentosettantino, Guido Rossi, protempore presidente del Trentino). Poi, i friuliani, i cimbri, gli euganei, i polesani, i reto-veronesi, i ladini… che "veneti", in questi 47 anni di regionalismo, non si sono mai sentiti.
2017-09-25 13:52:38
gli sciacalli delle regioni speciali...
2017-09-25 13:22:51
Hihihihihhihihihihihhi......zaia....hahahahah....ciao ernico.