Bufera di grandine: «Io, salvata dalla coperta di un "hippy"»

Bufera di grandine: «Io, salvata dalla coperta di un "hippy"»

di Cristina Antonutti

PORDENONE - Chissà se un giorno Matteo, un giovane hippy italiano accampato a casera Chiampis, saprà che la sua coperta di alpaca ha salvato un'escursionista di Marsure dall'ipotermia. Marina Minigutti, sulle gambe centinaia di chilometri macinati tra le Dolomiti friulane e le Giulie, deve tutto al gesto di solidarietà di uno sconosciuto. «Io, senza quella coperta, non sarei qua». Era salita a Costa di Paladin, sopra casera Chiampis, partendo da passo Rest con altri due escursionisti. Poi, ad un certo punto: «È arrivato l'inferno. Si è scatenata una tormenta di vento e grandine che ci ha scaraventato a terra. Siamo rimasti quasi mezz'ora bloccati sotto la grandine. Ero in pantaloncini corti e maglietta, non riuscivo né ad aprire lo zaino né a sollevarmi. A certo punto ho capito che stavo andando in ipotermia e strisciando sono riuscita a raggiungere l'amico che era rimasto indietro con me».

La luce è cambiata e si sono rimessi in cammino. «Ci siamo rialzati e, come potevamo, scivolando sul sentiero ricoperto di grandine, siamo arrivati alla forca del Mugnol. Lì abbiamo visto una grande tenda e ho cercato riparo. Non sarei mai sopravvissuta se avessi dovuto camminare in quelle condizioni per altre 3 ore e mezza, perchè tanto distava la macchina». L'escursionista si è rifugiata sotto la tenda, ma non riusciva a parlare a causa del forte tremore. Un hippy spagnolo ha capito che aveva bisogno di essere riscaldata e ha estratto una coperta di alpaca da uno zaino...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 8 Agosto 2017, 12:08






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Bufera di grandine: «Io, salvata dalla coperta di un "hippy"»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2017-08-09 08:35:55
Persino alla stazione di arrivo di funivie o cabinovie in alta quota se ne vedono delle belle....che accadono alle Belle.Partono dalla stazione valle in infradito, camicetta trasparente o cannottierina, , minigonna o pantaloncini -tanga.Appena arrivano...sbiancano, la pelle prende l'effetto "oca", e pure effetti che solo chi e' stato presente alla scena sa.Si fiondano subito nel bar ..che sta li' non a caso col gestore braccia aperte e macchina da caffe' ( cioccolata , the ecc) a pressione...pronta.Pure nel mercatino..copertine o felpe di plasticoso pile ..dal prezzo ben ricaricato..
2017-08-08 13:43:18
SE ha percorso "centinaia di chilometri" in montagna DOVREBBE sapere che le condizioni meteo possono cambiare drasticamente in pochissime ore, specie in piena estate. Una coperta termica (o un indumento protettivo) pesa poche decine di grammi e nello zaino occupa pochissimo posto. Guardare le previsioni e equipaggiarsi "comunque" e' cosi' difficile ? Per altro in montagna si vedono "escursionisti" in "scarpette e pantaloncini" che se qualcosa va storto hanno solo bisogno di un elicottero ...
2017-08-08 12:41:00
e guardare le previsioni del tempo non era meglio? in montagna si va sempre almeno con un maglioncino al seguito. altro che non sono riuscita ad aprire lo zaino.
2017-08-08 12:33:03
Pero'..alpaca...le e' andata bene.Se fosse stata lana di pecora pungente..?Comunque hanno tirato fuori la grinta...anziche' arrendersi all'ipertemia. Prossimo acquisto un bel poncho coprente corpo e zaino, un telo alluminato termico.Hippie si ma tecnologica!!