Martedì 7 Agosto 2018, 20:48

Siccità, scatta l'allarme nei campi. Cereali "bruciati" sono da buttare

PER APPROFONDIRE: bruciati, cereali, pordenone, siccità, sole
Terra arsa: manca l'acqua

di Marco Agrusti

PORDENONE - Non bastano le piogge che di tanto intanto colpiscono la Pedemontana e poi la pianura nelle ore serali. L’ondata di caldo che sta colpendo anche il Friuli Occidentale sta provocando comunque i primi danni al comparto agricolo, e ad andare in sofferenza è soprattutto la bassa pianura, dove gli impianti di irrigazione ma ancora di più le fonti da cui attingere per consentire alle coltivazioni di crescere con prosperità sono più radi. Il sole sta bruciando la terra e cereali sono i primi a morire
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Siccità, scatta l'allarme nei campi. Cereali "bruciati" sono da buttare
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-08-08 09:55:43
... una sola terra.. un tempo madre amorosa e prodiga. ora ridotta a discarica tossico nociva e a forno a micro onde.. chi ha rubato le stagioni: lo stesso che ha rubato i passeri al cielo, i fiori al campo e l'acqua al ruscello.. l'homo industrialis rapinatorius..
2018-08-08 11:59:56
possibilmente è proprio per questo che sono ateo da sempre. Nessun dio buono può creare una società autodistruttiva. La cosa ancora più triste è che nonostante ci rendiamo conto di certi fenomeni e disastri.Non possiamo fermare il corso di questi.A malapena si riesce a governare un paese.Trovare un compromesso a livello mondiale per far cambiare o arrstare qualcosa,è utopia
2018-08-08 18:10:32
chi ti ha detto che dio è buono? i vostri disegni non sono i miei disegni ha detto una volta. e comunque dite ai coldiretti che perchè non piove da 5 giorni non vuol dire che i raccolti debbano andare a ramengo. vedo i contadini che piangono sempre lacrime amare ma poi se la passano benone. e la coldiretti tartassa invece quelli col campetto di terra ereditato dai vecchi.