Entra in gelateria e semina panico brandendo un grosso coltellaccio

PER APPROFONDIRE: arresto, coltello, gelateria, minaccia, pordenone
Entra in gelateria e semina panico brandendo un grosso coltellaccio

di Paola Treppo

PORDENONE - Panico in gelateria a Pordenone in piazza Cavour dove un uomo si è messo a minacciare il titolare del pubblico esercizio e alcuni giovani clienti con un grosso coltello da cucina intorno alle 23 di ieri. Impaurito dall'atteggiamento violento dell'avventore, che aveva bevuto un po' troppo, il responsabile della gelateria ha chiamato il Nue 112 e sul posto, dopo poco, è arrivata una pattuglia della polizia di Stato. Nel locale c'era un ragazzo italiano di 19 anni che era uscito di senno e che, nel frattempo, era stato bloccato da un poliziotto libero dal servizio.

Alla vista degli agenti della squadra volante, il 19enne non si è calmato: li ha spintonati, è riuscito a uscire dalla gelateria e si è messo a correre, sperando di non essere preso. Inseguito, dopo poche centinaia di metri è stato bloccato e portato in questura; è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale, minaccia aggravata, porto abusivo di oggetti atti a offendere e ubriachezza. Il coltello è stato posto sotto sequestro. Nella giornata di oggi, lunedì 11 giugno, sarà processato per direttissima. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 11 Giugno 2018, 13:13






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Entra in gelateria e semina panico brandendo un grosso coltellaccio
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-06-11 17:01:46
Un mito insomma!
2018-06-11 16:42:41
Un applauso alle forze dell’ordine nella speranza che la magistratura faccia con la coscienza del buon padre di famiglia il suo lavoro e che non vinca la scaltrezza di Azzeccagarbugli. Gradirei lo stesso trattamento per qualsiasi persona si comporti in modo incivile nei confronti della comunità. Indipendentemente dalla nazionalità, credo o sesso di appartenenza.
2018-06-11 21:22:05
E nò, cavolo, le risorse meritano un pochino di comprensione e rispetto per le tradizioni che ci devono insegnare!