Mauro Corona: né Erto, né caos oggi ascolto il rumore dei monti

PER APPROFONDIRE: mauro corona ferragosto
Mauro Corona

di Paolo Navarro Dina

Lo scrittore di Erto: «La celebrità l'ho cercata ma mi pesa Difficilmente andrò in paese: sarei riconosciuto e sarebbe finita. Troppi autografi. Ritroviamo il senso della festa»

«Quest'anno non so se andrò in piazza ad Erto. La notorietà non è sempre bella. Certo, l'ho cercata e la uso, ma alla fine c'è il rischio che danneggi. Mi sa che, invece, della sagra paesana, mi rifugio in montagna. Magari dalle parti di Misurina». 
Mauro Corona, niente festa di paese quest'anno per Ferragosto
«Credo proprio che non andrò. Perchè sono stato fin troppo al centro dell'attenzione. Poi, si sa come sono i paesi, c'è sempre chi dice che... Mauro si vuole pavoneggiare. Insomma, meglio lasciar perdere, credo».
Neanche un bicchiere di vino con i compaesani?
«Non vorrei che non ce ne fosse tempo. Andrebbe a finire che le persone, anche tra i villeggianti, cominciassero le fotografie, i selfie e gli autografi. Penso di no. Ci vuole un po' di calma».
È l'onere e l'onore del successo...
«Certo, mi fa piacere, ma forse proprio per Ferragosto forse è meglio che va a far na rampicada su per Misurina. C'è un lago che andrebbe riscoperto».
Insomma, evitare a tutti i costi l'esibizionismo.
«Direi proprio di sì».
Ma come deve essere allora il Ferragosto? Niente baldoria, niente vino...
«Credo che sia il momento giusto per fermare la macchina. In senso lato e in senso stretto. Fare a meno del rumore. E ascoltare la montagna, sentire e respirare il suo profumo; camminare, mangiare poco e sano. E poi una cosa importante».
Sarebbe a dire?
«Rispettare i residenti; chi abita in questi posti. Conversare con loro. Dialogare. Non avvicinare qualcuno e chiedere... Scusi dov'è il posto migliore per mangiare.... Sono stato recentemente a Madonna di Campiglio e ho visto con i miei occhi la frattura tra villeggianti e valligiani». 
Non è proprio un bell'affare
«No, tutti meritano rispetto. Ma il dialogo è essenziale. Una volta si andava in villeggiatura.. Toh! guardi un po' che bella parola, un po' antica ma importante. Si lasciava un luogo conosciuto per conoscerne altri. Oggi, invece, ci sono turisti - tutta un'altra cosa eh? che stanno nel caos per tutto l'anno e poi si lamentano del suono delle campane in paese... Ne sono infastiditi, ma ci rendiamo conto?».
Quindi, meglio andare su per i monti.
«Obblighiamoci a sentire il suono delle campane; ad esprimere tutta la propria gioia quando il gallo canta. Non lamentarsi del suo chicchiricchì. Importante è farsi coinvolgere dalla natura del posto, buttarsi alle spalle la città».
Ma com'era il Ferragosto di Mauro Corona. È sempre stato tra le montagne?
«Ah mi ricordo il paese prima del Vajont. Che meraviglia! Mi ricordo che noi ragazzini aspettavamo con ansia l'arrivo di un mago. Un prestigiatore che faceva dei giochi incredibili. E poi la bancarella dei giocattoli. Tutte cose semplici. C'era un ambulante che stava lì tutto il giorno. E sicuramente faceva un magro guadagno. Non c'erano tanti soldi. E lui stava lì, fermo tutto il tempo ad aspettare clienti e ragazzini. E poi i contadini, il fieno?»
Tutti in piazza a festeggiare...
«Era un giorno di lavoro anche quello. Si sentiva nell'aria l'odore dell'erba tagliata; il profumo del fieno appena falciato. Questa non è nostalgia. È ricordo. È la fortuna di aver percepito e vissuto questi odori. Ora è tutto così impreciso. Vige l'impazienza».
Ma che cosa consiglierebbe a chi si prende oggi un periodo di ferie?
«Voglio essere un po' crudo, ma credo che prima di tutto sarebbe importante fare un giro in un ospedale. Vedere la sofferenza, capire quanto è importante la salute e poi andare in ferie. Saremmo tutti più sobri, più intelligenti. Tutti più rispettosi gli uni degli altri».
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 15 Agosto 2018, 10:31






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Mauro Corona: né Erto, né caos oggi ascolto il rumore dei monti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 23 commenti presenti
2018-08-17 07:58:03
Quello che scrive è molto umano... La mia famiglia ed io, con zaini e panini, ci siamo persi nel posto "che non ti aspetti", "vicino ma lontano". E l'affollamento "dei foresti" si fa sentire anche nel piccolo paesino montano con velleità turistiche. Ed ha ragione chi osserva che il turista "dopo 3 giorni, puzza". Il paese è un microcosmo di rapporti umani non scontati, che l' avidità - oppure gli stili di vita ormai omogeneizzati -ha reso per sempre dipendente dal turismo. Tuttavia Mauro - esponendo queste ovvietà, per chi al paese vive - interpreta se stesso.
2018-08-17 06:44:39
Pero' a Misurina non e' che sia tanto diverso, a meno che nei dinorni signfichi in un largo raggio attorno al Lago.Poi magari tra la folla dei questuanti autografi si fanno anche incontri piacevoli.
2018-08-16 13:15:11
... chi ama i monti, la natura e le sue espressioni non userà mai il termine rumore, ma evocherà suoni, silienzi, orchestre, liriche misteriose , canti di fauni e fruscii tra gli aghi dei pini e lo svolazzare dei picchi e dei crocieri in amore.
2018-08-16 09:44:56
Per un un aspetto sono d'accordo: la frattura tra residenti e turisti di passaggio o villeggianti a breve periodo.Pero' e' reversibile il discorso.In Localita'griffate se vai come turista ti chiamano"sior", se vai con lo stesso vestito, auto,conto in banca , a chiedere un lavoro, ti considerano un poveraccio.Se affitti una casa montana tutto l'anno e ci vai poche volte ed per il resto lasci chiusa, spedendo puntualmente il bonifico, sei uno snob, se ci vai ad abitare ininterrottamente, temono che ti voglia insediare stabilmente, che usuri troppo i locali.L'ideale e' chi paga per un anno e ci va solo a Natale o Pasqua.Viceversa...ho udito turisti giustificare comportamenti incivili (tipo sbolognamanto rifiut oo parcheggi susuoloprivato9, rispondendo al montanaroche li stigmatizzava :" Ma stai zitto che se nonvenissimo noi turisti moriresti di fame" Un Fassano rispose alla metropolitana cheliavev arifilato quest afrase: "Signora, anche senza turismo non siamo mai morti di fame...pero'ora che ci penso...di sete divino, grappa e birra si', abbiamo sempre patito la carenza "
2018-08-17 08:04:54
Riguardo ai rifiuti, c'è da dire che spesso i comuni della nostra montagna non applicano piani di raccolta differenziata compatibile col tasso di seconde case riscontrabile sul loro territorio (70%) e che finanziano le loro casse (senza nulla togliere alla cafonaggine di alcuni turisti). E che il contributo economico e l'impegno dei "nuovi venuti" è spesso fondamentale per mantenere un minimo di servizi nei paesini sempre meno popolati.