Ideal Standard, a tre anni dalla chiusura dei forni incertezza per 400 lavoratori

Ideal Standard, a tre anni dalla chiusura dei forni incertezza per 400 lavoratori

di Davide Lisetto

PORDENONE - Sono passati tre anni da quando Ideal Standard ha spento i forni abbandonando per sempre lo stabilimento di Orcenico. Dopo i licenziamenti volontari (l'impegno-accordo con l'impresa era di cedere impianti e fabbrica e agevolare così il riavvio produttivo per mano della cooperativa IdealScala costituita nel frattempo) i quasi 400 lavoratori sono ancora in attesa mentre gli ultimi scampoli di indennità della mobilità stanno per esaurirsi. Pochi hanno trovato un' occupazione alternativa e stabile. Molte cose - decine e decine i tavoli di confronto, spesso inutili - sono accadute in questo triennio: ma le prese di posizione degli ultimi giorni lasciano immaginare che anche il sogno di rilanciare l'attività attraverso la Coop possa infrangersi contro le liti sul territorio. E non è la prima volta che il territorio - al di là di proclami e parole - non si riesce a fare squadra e raggiungere l'obiettivo. Come dire: dopo che tutti i protagonisti hanno cercato una soluzione di rilancio si arriva alle accuse e agli scaricabarile. Si ha come l'impressione che nessuno - sindacato, cooperativa, Regione, ma anche associazione di categoria come Unindustria e Confcooperative che pure sulla vicenda ci hanno messo la faccia - voglia rimanere con il cerino in mano...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 11 Giugno 2017, 11:50






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ideal Standard, a tre anni dalla chiusura dei forni incertezza per 400 lavoratori
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-06-11 17:53:05
metteteci una pietra, scusate, un water sopra.