La forestale distrugge tutti i campi di mais Ogm di Giorgio Fidenato

L'appezzamento di mais Ogm già distrutto dai vandali a Vivaro

di P.T.

VIVARO e COLLOREDO DI MONTE ALBANO - Gli agenti del corpo forestale regionale del Friuli Venezia Giulia hanno abbattuto stamani, lunedì 9 luglio, le piante di un podere di Vivaro, a Pordenone, seminate a mais Ogm, di proprietà di Giorgio Fidenato, il paladino delle lotte per i prodotti transgenici.

Il personale della forestale ha distrutto complessivamente 6mila metri quadrati di mais anche nelle proprietà di Colloredo di Monte Albano, in provincia di Udine, su disposizione del Ministero delle politiche agricole; a Colloredo la strada è stata bloccata per il tempo necessario alla distruzione e, per evitare disordini, sono intervenuti anche i carabinieri della stazione di Majano.

Già nei giorni scorsi alcune persone rimaste ignote avevano distrutto nella notte un appezzamento di circa 150 metri quadrati a Vivaro e avevano posizionato un cartello di protesta sulle coltivazioni di granturco Ogm. Lo aveva scoperto lo stesso Fidenato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 9 Luglio 2018, 14:08






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La forestale distrugge tutti i campi di mais Ogm di Giorgio Fidenato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 23 commenti presenti
2018-07-10 23:57:28
. Zaia e Fedriga non hanno voluto sporcarsi le mani e hanno demandato tutto a Roma. Bel segno di autonomia o specialità. El plui san al à le rogne. .
2018-07-10 13:20:08
Fa bene la Forestale a proteggere la flora da possibili contaminazioni aliene.
2018-07-10 07:36:45
Ma Fidenato ha qualche sovvenzione dalla Monsanto?
2018-07-10 23:55:25
Non lo so. Se anche fosse meriterebbe il mio plauso; il plauso di un cittadino che vuole poter scegliere al mercato, al pari dei favorevoli ai cosiddetti prodotti naturali, i prodotti OGM.
2018-07-09 21:08:18
Distruggono piantagioni ogm che , fino ad ora,non risultano nocive ma , lasciano ancora produttiva l'azienda che ha avvelenato i "pozzi" veneti !