Creme scadenti e troppo sole, in Dermatologia è allarme per la salute

PER APPROFONDIRE: creme, dermatologia, pordenone, salute, sole
Creme scadenti e troppo sole, in Dermatologia è allarme per la salute

di Alberto Comisso

PORDENONE - Dermatiti atopiche, allergie, eczemi da contatto ma anche psoriasi e melanomi. Le persone affette da malattie della pelle sono in aumento: si stima che nella Destra Tagliamento la percentuale si attesti tra il 14 e 15 per cento. Su circa 312mila abitanti, più di 40mila, almeno negli ultimi mesi, si sono rivolte a un dermatologo. E non per un semplice consulto. «È un dato preoccupante - ha spiegato Maria Teresa Corradin, responsabile del reparto di Dermatologia dell'Azienda sanitaria 5 del Friuli Occidentale - che testimonia come, purtroppo, siano in aumento alcuni stili di vita non propriamente corretti. Uno su tutti la sovraesposizione ai raggi solari che, con il passare del tempo, può portare all'insorgenza di melanomi e carcinomi. I casi nella Destra Tagliamento sono in aumento, anche se il primato in regione spetta alla Venezia Giulia con Trieste e Gorizia in testa».
La prova costume si avvicina. Chili di troppo e macchie sulla pelle possono rappresentare i principali nemici. E spesso, per quanto riguarda la cute, un campanello d'allarme. «È in questo periodo - sostiene Corradin - che generalmente registriamo una maggior richiesta di accessi al reparto. Persone che, guardandosi allo specchio, notano delle anomalie. Nei o macchie spuntati all'improvviso e che necessitano di essere esaminati da uno specialista. Questo è un bene perché nella nostra cultura, rispetto al passato, sono subentrate una maggiore cura e attenzione nei riguardi del nostro corpo. Dall'altra parte, però, devo notare che alcune malattie riscontrate sono figlie di una popolazione che invecchia sempre più».
 

Lunedì 20 Marzo 2017, 05:02




Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Creme scadenti e troppo sole, in Dermatologia è allarme per la salute
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER