Presa Sabrina, la superlatitante: con 10 alias ha razziato il Nordest, deve scontare 16 anni

PER APPROFONDIRE: arresto, condanne, furti, latitante, pordenone
Presa Sabrina, la superlatitante: con 10 alias ha razziato il Nordest, deve scontare 16 anni

di Paola Treppo

PORDENONE - Rintracciati dalla polizia di Stato in Francia e Belgio tre latitanti. Nei giorni scorsi, infatti, le indagini dalla sezione catturandi della squadra mobile di Pordenone, hanno messo fine alla latitanza, durata 4 anni, della  croata Sabrina Osamic, 34 anni, residente  a Milano, nomade senza fissa dimora, con oltre 10 alias. La donna deve scontare una pena residua di 16 anni, 6 mesi e 2 giorni di reclusione per vari reati tra i quali numerosi furti.

La donna dai 10 alias
Nei confronti della 34enne è iniziata la procedura per la estradizione. La cittadina croata ha riportato varie condanne emesse dai Tribunali di Udine, Trieste, Venezia, Brescia, Gorizia, Treviso, Pordenone e dai Tribunali per i minorenni di Milano, Bologna, Brescia e Venezia per numerosi reati, in prevalenza furti aggravati, anche in abitazione, ma anche per false dichiarazioni sulle proprie generalità e per porto di oggetti atti a offendere.

La latitante era a Marsiglia, in Francia, dove è stata fermata lo scorso 9 giugno; è stata arrestata in esecuzione di mandato di arresto europeo spiccato dalla Procura di Pordenone. L'operazione è stata eseguita in coordinamento
con la Direzione centrale della polizia criminale - Servizio per la cooperazione Internazionale di polizia e con la polizia di Stato di Pordenone e le autorità di polizia francesi.   

Quattro sentenze di condanna 
Lo scorso 9 giugno è stato localizzato e arrestato in Belgio il cittadino rumeno Neculai Avurvarei, 41 anni. Il catturando, una volta estradato, dovrà scontare la pena di 4 anni e 27 giorni di reclusione a seguito di quattro sentenze di condanna per i reati di furto, anche aggravato, e ricettazione, commessi tra il 2008 e 2009. 

Armi
Lo scorso 9 giugno, in Francia, il cittadino congolese Roger Barbi, 45 anni, colpito da un provvedimento di cattura emesso dalla Procura della Repubblica di Pordenone nel 2017; l'uomo deve scontare la pena di un anno e 2 mesi di reclusione per delitti sull'uso e la detenzione di armi, per la violazione degli obblighi di assistenza famigliare e violazione di domicilio. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 15 Giugno 2018, 15:12






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Presa Sabrina, la superlatitante: con 10 alias ha razziato il Nordest, deve scontare 16 anni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2018-06-16 08:03:22
Ma la nostra Polizia non cattura mai pericolosi delinquenti in fuga ?
2018-06-15 23:43:59
magari glieli fanno scontare ai domiciliari, cioè a casa, le nostre case
2018-06-15 23:43:54
magari glieli fanno scontare ai domiciliari, cioè a casa, le nostre case
2018-06-15 18:20:42
La cittadina croata ha riportato varie condanne emesse dai Tribunali di Udine, Trieste, Venezia, Brescia, Gorizia, Treviso, Pordenone e dai Tribunali per i minorenni di Milano, Bologna, Brescia e Venezia...e nonostante tutte queste condanne non l'avevano mai acchiappata. Complimenti.
2018-06-15 21:22:31
Esattamente quanto pensavo io: in Francia, in Begio e dovunque in Europa li catturano e non li mollano piu, finquando non hanno espiato la pena. Da noi li riempiono di carte: ingiunzioni, fogli di via, daspo, divieti... con le quali invariabilmente si puliscono il deretano. Ecco perche' ha vinto le elezioni il primo che si sia detto deciso a cambiare questo schifoso stato di cose in cui siamo sprofondati, grazie a buonismo e garantismo cattocomunisti!!!