Venerdì 12 Ottobre 2018, 08:58

Il tunisino spacca-vetrine viveva nella casa popolare della sorella (che non c'è)

Amor Ben Lazhar Torch e le case popolari

di Gabriele Pipia

PADOVA - L'uomo più ricercato di Padova si nascondeva in una casa popolare assegnata alla sorella, che però ora vive in Tunisia. L'incubo di baristi e negozianti, responsabile di almeno quattro spaccate ma sospettato di averne messo a segno molte di più, abitava infatti in un appartamento di proprietà dell'Ater e gestito dal Comune. Qui, in via Varese alle porte del centro, martedì notte i poliziotti della Squadra Mobile hanno fatto scattare la perquisizione decisiva che ha portato all'arresto di Amor Ben Lazhar Torch e alla scoperta di parte della refurtiva. 
 
 

Prima che le indagini portassero gli agenti in questo covo, però, nessuno sapeva che qui viveva stabilmente un tunisino pregiudicato e irregolare di 39 anni, scarcerato tre mesi fa e già espulso dall'Italia senza esito l'anno scorso. L'alloggio viene assegnato in base ad una graduatoria destinata a chi non riesce a permettersi una casa. Una graduatoria che per molti rappresenta l'unica speranza per arrivare a fine mese. Il caso, quindi, merita di essere approfondito. 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il tunisino spacca-vetrine viveva nella casa popolare della sorella (che non c'è)
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 58 commenti presenti
2018-10-16 15:45:05
Quello che vorrei sapere e CHI e' il responsabile delle case ATER a Padova: c'e' un direttore/direttrice o comitato? CHI li controlla?
2018-10-14 00:34:52
Stranieri delinquenti con la casa popolare a padova VERGOGNA
2018-10-13 18:49:39
Mattarella batti un colpo.
2018-10-13 13:12:11
Non riconosciuto dalla Tunisia, e quando mai carcerati e delinquenti teneteveli stretti dicono,loro Hanno aperto le carceri e li mandano tutti da noi sui barconi e Renzi-Boldrini li accoglieranno,poi ora con Di Maio si prendono anche il reddito di cittadinanza cosa volere e sperare di piu`
2018-10-13 13:11:26
Non riconosciuto dalla Tunisia, e quando mai carcerati e delinquenti teneteveli stretti dicono,loro Hanno aperto le carceri e li mandano tutti da noi sui barconi e Renzi-Boldrini li accoglieranno,poi ora con Di Maio si prendono anche il reddito di cittadinanza cosa volere e sperare di piu`